Ultime

Hacker oscurano siti dedicati al Family Day:“Stop Omophobia, love is love”.

Pin It

Anonymous-Italia-Family-Day

Pochi giorni fa la compagnia di hacker italiani affiliati agli “Anonymous” ha compiuto un attacco informatico su tutti i siti contro le unioni civili degli omosessuali oscurando molti domini importanti tra cui: sentinelleinpiedi.it, www.notizieprovita.it, www.mpv.org, www.generazionefamiglia.it e www.giursitiperlavita.it.
Esattamente 24 ore dopo il loro attacco eseguito contro il sito dedicato al Family Day gli Hacktivisti hanno poi deciso di oscurare per altre 24 ore tutti questi siti Web molto importanti e pro  famiglia “naturale” ed al Family Day, cosicché tutti coloro che volevano accedere al sito si trovavano davanti un’immagine con su scritto “Stop Omophobia, love is love” e con disegnate sotto 3 coppie stilizzate eterossesuali e omosessuali che si tenevano per mano.
Dopo l’attacco, annunciato sul loro profilo Twitter, gli Anonymous hanno poi rilasciato una loro dichiarazione a riguardo sul loro blog che è la seguente: “Oggi sarete in piazza in migliaia, nonostante facciate fatica a immaginarlo, è molto probabile che tra i vostri figli vi siano molti ragazzi e ragazze che, anche se non vi hanno mai confidato nulla, sono gay, lesbiche, bisessuali e transgender e che, in questo momento, si stanno chiedendo se avranno una vita felice come tutti i loro fratelli e amici, oppure no. Quali stati d’animo pensiate possano prevalere quando vi sentiranno urlare in piazza che c’è una sola famiglia e che essere omosessuali, bisessuali, transessuali, ‘non è naturale’?” E poi continua: “Voi siete in piazza perchè dite di difendere la famiglia tradizionale. Noi vorremmo che tutte le famiglie che ci sono oggi, concretamente, in Italia, fossero rispettate per quello che sono. Per voi oggi è il Family Day, per noi ogni giorno è buono per far crescere il rispetto e la comprensione dentro ogni famiglia e per ogni famiglia”.

Lorenzo Toninelli

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*