Ultime

“Future Forum” a Udine: domani tre appuntamenti sulla trasformazione urbana

Pin It

Future Forum e le città: domani, martedì 19 novembre, tre appuntamenti sulla trasformazione urbana

E mercoledì 20 la proiezione in anteprima, con la presenza di regista e produttore, del film d’animazione “L’arte della felicità”, che ha aperto la 28esima Mostra della critica cinematografica di Venezia

 

Torna domani, martedì 19 novembre, il Future Forum, che si presenta da subito con tanti appuntamenti originali, dedicati a scandagliare il futuro delle città, tema di questi giorni della rassegna. In particolare, Future Forum intende proporre alcune rilevanti esperienze “bottom-up”, dal basso all’alto, evidenziando come singoli individui, associazioni o aggregazioni riescono a trovare un modo per invogliare i cittadini e le istituzioni a cambiare comportamenti, abitudini e obiettivi, per trovare un punto d’incontro fra le esigenze di tutti e il piacere di una realtà quotidiana più ricca e stimolante. Dalle assemblee partecipate, alle associazioni di comuni, alle idee di qualche visionario che opera negli ambienti più difficili, queste esperienze pongono la fantasia e il coraggio al centro di un reale processo di trasformazione urbana. Tre gli incontri in programma; due di essi rientrano nella “Settimana Unesco di educazione allo sviluppo sostenibile 2013” e si terranno alle 9.30 e alle 11.30 nella Sala Valduga della Cciaa. La prima conferenza si intitola “Le esperienze di trasformazione urbana che cambieranno le nostre città”, alla quale interverranno Francesco Cazzaro, della presidente della Federazione dei Comuni del Camposampierese che ha unificato i servizi dei Comuni aderenti in un’ottica di risparmio e ottimizzazione, sperimentando un nuovo equilibrio tra pubblica amministrazione, sistema privato e cittadini, Claudio Cipollini, presidente di Italia 2020, Andreas Delleske, del Forum di Vauban, una delle esperienze di edilizia sostenibile più riuscite in Europa, e il sacerdote-imprenditore don Antonio Loffredo. Modera l’incontro il professor Leopoldo CoenL’appuntamento delle 11.30 avrà poi come protagonista Bernardo Secchi, professore emerito di Urbanistica allo Iuav di Venezia, introdotto dall’assessore regionale Mariagrazia Santoro. Ci si interrogherà su “La città nuova che verrà”, perché, come dice il professor Secchi, «i territori e le città che osserviamo sono il risultato di un lungo processo di selezione cumulativa tuttora in corso. Ogni giorno selezioniamo qualcosa, una casa, un tratto di strada, un ponte o un bosco, destinandolo alla distruzione; qualcosa usiamo differentemente dal passato, modifichiamo e trasformiamo, qualcos’altro decidiamo di conservare com’ era e dove era. Il più delle volte lo facciamo per ragioni pratiche: perché abbiamo bisogno di nuove case, di strade più larghe, di ospedali più efficienti, ma di continuo diamo anche un senso e un valore a ciò che ci circonda, un valore monetario e un valore simbolico. […] Ciò che ci sta davanti agli occhi, l’immenso archivio di segni materiali lasciati nel territorio da noi stessi e da chi ci ha preceduto, è l’esito dell’ accumularsi di queste decisioni».

La giornata di domani (martedì 19) si conclude alle 15, con un incontro in Sala Economia Cciaa, sul “Riuso come paradigma”. Introdotti da Alessandro Verona, presidente di vicino/lontano e curatore di questa settimana di Future Forum dedicata alle città, interverranno Lionel Devlieger del collettivo Rotor, assieme ad Andreas Delleske e Claudio CipolliniRotor è un collettivo con base a Bruxelles i cui membri condividono l’interesse verso il flusso della materia nell’industria e nell’edilizia. Il gruppo concepisce e realizza progetti di design e architettura e sviluppa analisi critiche sulle risorse e sull’uso e riuso dei materiali attraverso ricerche, pubblicazioni, testi e conferenze. È attualmente impegnato nello sviluppo di Opalis, inventario online delle pratiche professionali per il recupero di materiali edili e nella curatela della prossima Triennale di Architettura di Oslo.

Future Forum prosegue poi mercoledì 20 con un doppio appuntamento cinematografico, la proiezione in anteprima (sarà nelle sale italiane solo giovedì 21 dopo la proiezione napoletana dello scorso weekend) del film d’animazione  “L’arte della felicità”, che ha aperto la 28sima Mostra Internazionale di Critica Cinematografica di Venezia. Oltre che un’esperienza originale di animazione made in Italy, il film è anche esempio di successo di una nuova e giovane impresa culturale, di cui Udine avrà il privilegio di parlare grazie alla presenza del regista (e disegnatore) Alessandro Rak e del produttore Luciano Stella. La mattinaalle 9 la proiezione sarà riservata per le scuole e si concluderà con la presentazione del Progetto “Bes” a cura di Enzo Barazza e degli studenti della classe quinta dell’Itis DeganuttiSarà invece aperta al pubblico la proiezione serale, alle 20.30 al Cinema Centrale (ingresso a pagamento): proprio questo appuntamento sarà preceduto dagli interventi del regista e del produttore.

 

IL FILM. Due fratelli. Due continenti. Due vite. Una sola anima. Sotto un cielo plumbeo, tra i presagi apocalittici di una Napoli all’apice del suo degrado, Sergio, un tassista, riceve una notizia che lo sconvolge. Niente potrà più essere come prima. Ora Sergio si guarda allo specchio e quello che vede è un uomo di quarant’anni, che ha voltato le spalle alla musica e si è perso nel limbo della sua città. Mentre fuori imperversa la tempesta, il suo taxi comincia ad affollarsi di ricordi, di speranze, di rimpianti, di presenze. Prima o poi la pioggia smetterà di cadere ed il cielo si aprirà. E da lì verrà la fine. O tornerà la musica.

ILREGISTA ALESSANDRO RAK. Regista e autore napoletano. Direttore artistico dello special tv in animazione prodotto da Rai Fiction Il principe di Sansereno e il mistero dell’uovo di Virgilio, è anche autore dei cortometraggi in animazione Va’,Looking Death Window e Again, vincitori di numerosi premi. Ha realizzato i videoclip animati ‘O sciore e ‘o viento dei Foja, La paura dei Bisca e Kanzone su Londra dei 24 grana. È autore dei fumetti A Skeleton Story, Bye bye jazzZero or One e ArkL’arte della felicità è il suo primo lungometraggio.

 

Il Future Forum è il risultato di un impegno corale che, coordinato dal Project Manager Renato Quaglia, coinvolge la Camera di Commercio di Udine con il presidente Giovanni Da Pozzo, che ha fortemente voluto il percorso d’innovazione Friuli Future Forum, l’Università di Udine e l’Associazione Vicino/Lontano, passando attraverso la Regione Friuli Venezia Giulia, il Comune di Udine, istituzioni come Friuli Innovazione, Catas e tutte le Associazioni di categoria, oltre a partner internazionali di assoluta eccezione, come l’Institute for the Future di Palo Alto, il Copenhagen Institute for future Studies e l’Ocse, punti di riferimento mondiali per ciò che attiene lo sviluppo dell’economia e della società.

 

Ulteriori informazioni su www.friulifutureforum.com
Ufficio stampa Delos
di Annalisa Fattori e Paola Nobile

Via S. Simpliciano, 6
20121 Milano

02.8052151 – delos@delosrp.it
www.delosrp.it

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*