Firenze: oggi e domani al Teatro Florida “Caravaggio Amor vincitore”

Teatro Cantiere Florida
Via Pisana 111r – Firenze – biglietti posti numerati: 15/12 euro

Venerdì 2 e sabato 3 marzo 2012 – ore 21

Lyricdancecompany

presenta

CARAVAGGIO
AMOR VINCITORE

Direzione Artistica: Alberto Canestro
Coreografia: Alberto Canestro, Matteo Ruggiero
Interpreti: Alessia Lera – Elisa Carli – Irene Marino – Giusy Caccavo – Elena Dioguardi
Candida Bongini – Claudia Tizzanini – Josè Gregorio Lo Iacono-Salcedo
Andrea Zardi – Stefano Focone – Francesco Taccone – Matteo Ruggiero

Caravaggio emoziona, commuove, avvince: davanti ai suoi quadri non si può restare indifferenti, si prova quasi istintivamente il brivido di una presenza, il senso della realtà, un coinvolgimento profondo.

Questa emozionalità ha ispirato la nuova produzione della Lyricdancecompany – venerdì 2 e sabato 3 marzo al Teatro Cantiere Florida; ore 21; biglietti 15/12 euro – un trittico d’autore che coinvolge oltre ad Alberto Canestro altri due giovani e promettenti coreografi: Paolo Arcangeli e Matteo Ruggiero.

Personalità e visioni artistiche diverse restituiscono allo spettatore la potenza e la ricchezza dell’opera del grande pittore seicentesco. I tre coreografi attingono alle atmosfere, all’estetica e ai colori di Caravaggio, filtrandoli attraverso le proprie sensibilità contemporanee e i personali linguaggi espressivi, quasi a dare nuova forma alle opere immortali di questo grande artista.

MOVING ELEMENT – Luce, colore, contrasti, tridimensionalità, realismo dei personaggi sono gli elementi che contraddistinguono l’opera caravaggiesca e stimolano la curiosità e la sensibilità del coreografo, inducendolo a cercare il modo di riprodurne l’essenza attraverso una diversa forma artistica, nell’intento di creare un parallelismo tra pittura e danza.
Se un pittore attraverso i propri mezzi espressivi realizza la sua idea in un quadro e la rende visibile, così un coreografo cerca di materializzare la sua visione attraverso il movimento dei danzatori che diventano i suoi elementi espressivi. La sfida è dunque restituire attraverso una diversa forma artistica la peculiarità della pittura di Caravaggio, evocandone gli elementi distintivi ma donando loro nuovi significati.
Interpreti: Lyricdancecompany

HIC ET NUNC (qui e ora) “morte della vergine” – La Morte della Vergine fu un quadro rifiutato, perché la Madonna non rispettava l’iconografia classica, essendo rappresentata priva di qualsiasi attributo spirituale.
Addirittura si dice che Caravaggio utilizzò come modella una prostituta trovata morta annegata nel fiume Tevere. Il crudo realismo di quest’opera è il tema dal quale prende ispirazione la coreografia di Matteo Ruggiero. Caravaggio trasforma lo spirito in materia ricorrendo al realismo di un corpo di una prostituta? Se il Divino si cela in ognuno di noi significa che l’uomo ha un grosso potenziale. La chiave di lettura di questa coreografia sta in questo assioma, che viene rappresentato attraverso i dieci stati vitali del buddismo di Nichiren Daishonin. E’ con la comprensione e la consapevolezza di tutti questi stati d’animo (inferno, avidità, animalità, collera, umanità, estasi, studio, illuminazione parziale, bodhisattva, buddità) che l’uomo può raggiungere uno stato di libertà, di compassione infinita, il rispetto per le dignità umane, e una saggezza sconfinata.
Coreografia: Matteo Ruggiero
Interpreti: Elisa Carli, Matteo Ruggiero
Voce: Elena Bucciarelli

AMOR VINCITORE – Caravaggio è sempre in bilico tra cronaca nera e grandezza artistica, in un intreccio inscindibile tra vita maledetta e straordinaria genialità. Ci coinvolge da vicino, ci chiama, ci vuole attivi protagonisti della sua pittura. Siamo soli, noi e lui, davanti al mistero della vita e del destino. Il dipinto che da il titolo alla coreografia di Alberto Canestro è stato oggetto di numerose interpretazioni. Una di queste, tra le più convincenti, indica nel fanciullo la personificazione di un genio delle arti, protettore delle attività artistiche. Si sviluppa da qui la creazione coreografica, emozionale e poetica, di Alberto Canestro, che vuole essere un entusiastico e sentito omaggio ad uno dei più grandi artisti della storia.
Coreografia: Alberto Canestro
Interpreti: Lyricdancecompany
Attrice: Sabina Cesaroni
Interventi pittorici e scenografia: Andrea Sole Costa

Alberto Canestro – Danzatore, coreografo e docente di danza classica, è fondatore della compagnia Lyricdancecompany. Diplomato all’Accademia Nazionale di Danza di Roma. A Firenze svolge intensa attività di coreografo per i più rinomati centri di formazione professionale collaborando con maestri e coreografi di fama internazionale. A Roma collabora come coreografo con l’Accademia Nazionale di Danza diretta da Margherita Parrilla, come insegnante e coreografo con l’Associazione Italiana Danzatori diretta da Giacomo Molinari e Vinicio Mainini. Riceve il premio Aurell Milloss 2003-giovane talento, presso il Teatro Olimpico di Roma. Per la Compagnia Nazionale del Balletto diretta da Tuccio Rigano firma un lavoro coreografico e registico con 19 danzatori che ha debuttato al Teatro Libero nel novembre 2003. Nel 2004 forma la compagnia Lyricdancecompany, un forte organico composto da professionisti provenienti da qualificate esperienze in campo nazionale e internazionale, che debutta con lo spettacolo “Artemisia: i dualismi della passione”, replicato in più luoghi tra cui l’illustre Accademia delle Belle Arti di Firenze. Nel 2006 firma coreografia, regia, costumi e allestimento scenico dello spettacolo “Doppio gioco”, presentato al Teatro Off e replicato al Teatro di Rifredi di Firenze.
Nel 2007 cura le coreografie di “Edipo Re” nell’ambito del Festival Internazionale Teatro Romano Volterra. Assume la direzione artistica di Volterra Danza. Nel 2008 è invitato maestro ospite presso lo IALS di Roma. Riceve una menzione speciale per la coreografia al Concorso Internazionale di Danza di Spoleto. Vince il 1° e il 2° premio al concorso Firenze Danza con le coreografie “Mayco” e “Liaison”. Istituisce il Gala “Danza sotto le stelle” e il premio Volterra Danza, con il patrocinio del Festival Internazionale Teatro Romano Volterra del quale assume la Direzione Artistica per la sezione danza. Nel 2009 riceve il premio Tutti in scena-giovane talento, assume la direzione artistica della scuola di danza Bologna Danza di Bologna. A marzo 2010 debutta con lo spettacolo “Artemisia, Tamara, Frida” al Teatro Cantiere Florida di Firenze, replicandolo nel mese di luglio al Teatro Romano di Fiesole. Nello stesso mese realizza una coreografia per la prima ballerina del Maggio Musicale di Firenze, Letizia Giuliani, presentata in un Gala al Teatro Romano di Volterra. Nel 2011, con il nuovo lavoro “Minotauro, un’altra verità” debutta al Teatro Cantiere Florida di Firenze e replica a luglio al Teatro Romano di Volterra. Attualmente è impegnato in 2 nuove produzioni, in stagione in 2 prestigiosi teatri fiorentini nel 2012.

Prevendite e prenotazioni
Prevendite nei punti vendita del circuito Box Office e on line www.boxol.it
Biglietteria del teatro: lun/mer/ven 09.00/14.00
Prenotazioni: 0557135357 cantiere.florida@elsinor.net

Teatro Cantiere Florida
Via Pisana 111r – Firenze – Informazioni e prenotazioni:
dal lunedì al venerdì orario 09/17 tel  055-7135357
via mail – cantiere.florida@elsinor.net – www.teatrocantiereflorida.it

Ufficio stampa: Marco Mannucci, mannucci@dada.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.