Firenze: "Odore di chiuso"

Firenze: "Odore di chiuso"

Ha debuttato il 31 dicembre, ma noi abbiamo avuto l’opportunità di godercelo per Capodanno, “Odore di chiuso” spettacolo proposto dal teatro Carlo Monni di Rifredi, in Firenze, alle ore 18. In una sala gremita e con qualche minuto di ritardo, lo spettacolo, per la regia di Andrea Bruno Savelli, ha presentato, in un atto unico, un noir tragicomico tratto dal quarto romanzo, omonimo, di Marco Malvaldi, scrittore toscano che proprio dalla toscanità ha tratto il suo punto di forza in ambito scrittorio e che qui si è voluto cimentare in un giallo ottocentesco. Infatti la storia è ambientata in Maremma pochi anni dopo l’Unità d’Italia, i fatti narrati si svolgono in un castello abitato dal barone Bonaiuti pieno di boria ma in crisi economica, da suo cognato Gaddo, intento a poetare e ad adorare il poeta Carducci, e dai suoi figli, intellettuali e nullafacenti, dove spicca la figlia Cecilia, interessata allo studio della medicina, ma non considerata dal genitore in quanto donna e, quindi, destinata esclusivamente al matrimonio e non certo ad una professione impegnativa. Tutti i componenti della famiglia, in evidente decadenza, non svolgono alcuna attività anche se hanno una numerosa servitù che si occupa di loro. Il barone Bonaiuti ha organizzato una battuta di caccia invitando al castello due ospiti illustri, uno dei quali è il gastronomo Pellegrino Artusi, già celebre per il suo ricettario romanzato “La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene” nonché accanito lettore  delle avventure di Sherlock Holmes. L’altro ospite è un fotografo appassionato di paesaggi e ritratti che però nasconde un segreto. Ma, nel fine settimana che avrebbe dovuto offrire a tutti serenità e divertimento, accadono due avvenimenti che turbano la quiete della compagnia: il maggiordomo Teodoro è rinvenuto cadavere in cantina, senza che nelle sue tasche si trovi la ricevuta della grossa vincita ottenuta dalle scommesse all’ippodromo. Poi il barone Bonaiuti viene ferito ad un braccio, fortunatamente in modo non grave. Sarà proprio Artusi, improvvisatosi investigatore, ad aiutare il delegato di polizia a scovare l’assassino del maggiordomo e quello che ha tentato di uccidere il barone. Non possiamo aggiungere altro, se non che il divertimento e le risate, in questo noir non mancano mai, come certe battute più riflessive e speculari ad un periodo storico che, secondo noi, non è ancora del tutto trascorso e si riflette ancora oggi nella nostra società: l’impunità di chi ha il potere e si approfitta dei più deboli, oltre al fatto, ribadito più volte nella storia, che l’assassino del maggiordomo non sarà impiccato, poiché la Toscana, prima regione europea, ha abolito da anni la pena di morte. Sergio Forconi in splendida forma, simpatico ed accattivante e, come sempre trascinante con le sue battute ha chiuso la pièce, ma tutta la compagnia ha mostrato un’ottima professionalità, soprattutto in un momento di défaillance del delegato di polizia che sembrava aver dimenticato una battuta, ma è subito stato ripreso dal collega. Bravi tutti e notevole l’interprete di Artusi. Dopo i numerosi applausi e, a sorpresa, è stato chiamato sul palco il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani che aveva assistito allo spettacolo e sul palco ha ribadito l’importanza dell’abolizione della pena di morte da parte della Toscana come primo stato in Europa e poi si è complimentato con Forconi dicendogli che era ancora giovane.

Francesca Lippi

da martedì 31 dicembre a lunedì 6 gennaio

(31 dicembre ore 221 e 6 gennaio ore 18feriali ore 21 –  5 gennaio ore 16:30)

ODORE DI CHIUSO

dall’omonimo romanzo di Marco Malvaldi edito da Sellerio

riduzione e adattamento di Angelo Savelli

regia di Andrea Bruno Savelli

con Sergio Forconi, Andrea Kaemmerle, Amerigo Fontani, Raffaella Afeltra,

Diletta Oculisti, Filippo Rak, Pietro Venè, e Andrea Bruno Savelli

scene e costumi Michele Ricciarini

Produzione Teatrodante Carlo Monni

PER INFORMAZIONI 055/422.03.61 –  www.toscanateatro.it

PREZZI Ingresso intero € 16,00 – ridotto € 14,00

Ingresso 31 dicembre (spettacolo con brindisi) intero € 40,00 – ridotto under 14 € 28,50

PUNTI VENDITA

Teatro di Rifredi dal lunedì al sabato (ore 16:00 – 19:00) | biglietteria@toscanateatro.it

Nei Circuiti BoxOfficeToscana e Ticketone | On line www.boxofficetoscana.it – www.ticketone.it

Teatro di Rifredi via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze tel. 055/422.03.61

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*