Ultime

Festa del lavoro o dei lavoratori? Una ricorrenza discutibile

Pin It

Primo maggio. Meglio sarebbe riflettere su chi ha ragione di non festeggiare…

di Ernesto Bodini
(giornalista scientifico)

Un gruppo di persone banchetta mentre un povero si disputa le briciole con un caneSiamo alle solite… Anche oggi si ripete la ricorrenza: Festa del lavoro o, per meglio dire, dei lavoratori. Premesso che da Adamo ed Eva ad oggi, l’Umanità ha dovuto guadagnarsi il pane con il sudore della fronte, razionalmente non vedo cosa ci sia da festeggiare ciò che è da ritenersi un “dovere terreno”, considerando inoltre la precarietà di molti lavoratori e disoccupati, sia in Italia che nel resto del mondo. E che dire di coloro che lavorano in condizioni di sfruttamento? Per non parlare poi di quelli che vivono nella più “smaccata” agiatezza ed opulenza tanto da non pensare ai propri simili, se non comportandosi (bontà loro) parafrasando la parabola del ricco Epulone? Anche se tale parabola è per certi versi fatalista, perché considera ricchezza e povertà come condizioni “scontate” in quanto volute da Dio per mettere alla prova gli Esseri umani: il ricco avrebbe dovuto aiutare il povero, mentre il povero avrebbe dovuto rassegnarsi alla propria povertà, è comunque indicativa per una responsabile riflessione da parte di tutti, in primis di chi ci governa proprio perché deputati a “condizionare” il nostro percorso quotidiano, il più delle volte ben distante da quanto previsto da alcuni articoli della Costituzione. Pur considerando la crisi generale che dal 2008 sta investendo il nostro Paese, ed altri, non può venir meno il dover fare i conti con le impellenti necessità quotidiane di sopravvivenza (e sofferenza) di milioni di cittadini (giovani e anziani), le cui prospettive del momento e future sono, a dir poco, precarie sconfortanti…

Non c'è festa senza lavoroOra, qui non si vuol negare le tappe storiche e le buone intenzioni che le hanno accompagnate: in Italia la Festa dei lavoratori si tiene il 1° maggio dal 1891, in seguito soppressa dal Fascismo e ripristinata nel 1945. Il 1° maggio 1947, circa duemila persone (per la gran parte contadini e braccianti) manifestarono contro il latifondismo a Portella della Ginestra, in provincia di Palermo; una rivolta che costò la morte di 11 persone e il ferimento di altre 27. Per non parlare di quello che accadde negli Stati Uniti nel 1886: la polizia sparò sui lavoratori in sciopero a Chicago uccidendo due persone. I lavoratori scioperavano per il mancato rispetto della legge che istituiva il tetto delle otto ore lavorative al giorno. Nei giorni successivi altre manifestazioni furono represse dalla polizia e culminarono nella manifestazione di Haymarket, la piazza del mercato delle macchine agricole, durante la quale morirono altre persone (manifestanti e agenti) a causa di un attentato esplosivo. I responsabili dell’organizzazione della manifestazione del primo maggio furono arrestati e processati, sette di loro furono condannati a morte, con prove molto discutibili…, per non dire inesistenti. Due condanne furono trasformate in ergastoli dal governatore dell’Illinois. Un condannato a morte si uccise in prigione il giorno prima dell’esecuzione; altri quattro furono uccisi, e secondo le cronache dell’epoca, cantando la Marsigliese prima di morire.

Questi alcuni passi della storia. Ma la storia insegna? A quanto pare non proprio perché, crisi a parte, il lavoratore subordinato, il mobbizzato, lo sfruttato di turno, il suddito del sistema, è (e resterà) alla mercé di chi detiene il potere decisionale non rispettando appieno le norme costituzionali tant’é che, per dirla fino in fondo, nel nostro Paese non c’é giorno che le cronache ci informino sulle malefatte di un politico di qualunque corrente. Un insulto alla dignità delle persone oneste, ancorché aggravato da tutti coloro che sono stati dichiarati falsi invalidi e finti poveri. Per queste ed altre ragioni ancora, che lascio dedurre ai lettori, non mi sembra il caso di esultare nelle piazze: lavorare è un dovere, ed ancor più lo è di chi è deputato a condurre il Paese assumendosi più oneri che onori! Un’ultima considerazione: di questo passo, finché nel nostro Paese il volontariato si sostituirà (in molti casi) alle Istituzioni, il diritto al lavoro sarà destinato ad essere una chimera per molti aspiranti… che ancora credono al rispetto di alcuni articoli della Costituzione.

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*