Fatto de cronaca

               

Annavo ‘na sera camminanno

frà li ruderi der Colle Oppio er Palatino.

‘N cielo già sortivano le stelle,

e dar mare arivava fresco er ponentino.

Camminanno lemme lemme, co i probremi

in della mente, te vedo ‘ntratto ‘n regazzetto,

seduto sui bordi d’un muretto.

Ciaveva li capelli biondi come l’oro, che sulla fronte

je scennevano a caschetto.

Ner guardallo, sgamo che in della  mano,

aveva ‘na siringa, e subbito me scatta ‘n gran sospetto:

“ A regaa… fermate che fai ?”

Jò strillato con  tutto er fiato drento ar petto.

Cio parlato, raggionato, “ co sta robbaccia stacce attento,

questa è peggio d’un cortello accuminato”

ma più sverto d’un furetto, l’ago drento ar braccio

s’è ‘nfilato. L’occhi che der mare ciavevano l’azzurro,

pareva cambiassero colore, come se drento se fosse

arzato er vento, quindi je prese ‘n gran tremore,

s’aggitò, e co fatica  cercava de riprenne ‘n po’ de fiato,

poi  lentamente, l’ho visto scivolare, e restà lì a capo chino,

cor muretto che je faceva da cuscino.

Drento casa intanto, ‘na madre aspetta,

mentre de n’ambulanza, se sente lontana la sirena.

Leggenno er giorno dopo, ner  giornale la cronaca locale,

‘na notizia m’ha fermato er sangue ‘nzieme ar core:

Trovato morto ‘n ragazzetto, frà li ruderi der Palatino

er colle Oppio, ciaveva li capelli biondi come l’oro,

che sulla fronte je scennevano a caschetto.

Bruno Guidotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *