Ultime

Esposizione ad arsenico nelle acque potabili ed effetti sulla salute

Pin It

L’Arsenico (As), è un semi-metallo molto diffuso in natura, nell’atmosfera, nel suolo, nelle rocce, nell’acqua, negli organismi ed in quasi tutti i tessuti animali e vegetali. Per l’uomo la principale fonte di esposizione non occupazionale è rappresentata dall’assunzione di acqua potabile contaminata. L’As è nocivo per la salute; studi condotti in popolazioni con esposizioni croniche ad arsenico hanno documentati effetti negativi su esiti riproduttivi, malattie neurologiche, cardiovascolari, respiratorie, diabete e tumori. L’arsenico è stato classificato dalla IARC (International Agency for Research on Cancer) come cancerogeno per l’uomo (tipo 1): tumori del polmone, della cute e della vescica, sono risultati associati ad una esposizione ad arsenico per via inalatoria o attraverso l’acqua potabile.

La concentrazione massima di arsenico nell’acqua potabile è stata fissata a 10 μg/L dall’OMS e dalla Direttiva 98/83/CE poichè viene ritenuto che livelli di arsenico più elevati possano comportare rischi per la salute in modo strettamente dipendente dalla durata dell’esposizione e dallo stato nutrizionale della popolazione esposta (Rahman & Naidu, 2009).

In diversi comuni italiani, tra cui 91 situati nella regione Lazio, sono stati riscontrati valori di arsenico nelle acque potabili superiori a 10 μg/L. Il DEP ha attivato un’indagine epidemiologica per valutare possibili effetti sulla salute nelle popolazioni residenti ed è in programma uno studio di biomonitoraggio su un campione della popolazione esposta.
Fonte:www.deplaszio.net

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*