Palermo: domani la presentazione dell’iniziativa “Cultura è legalità: una luce per la Sicilia”

La proposta della Fondazione Piccolo: assegnare alla Sicilia la medaglia d’oro

per il grande tributo di sangue versato contro la mafia

 

DOMANI APPUNTAMENTO IN SALA GIALLA A PALAZZO DEI NORMANNI

IL 23 MAGGIO LA PRIMA LAMPADINA ELETTRICA ILLUMINERÀ VILLA PICCOLO

 

Assegnare una medaglia d’oro alla Sicilia per il tributo di sangue versato da tantissimi onesti servitori dello Stato. È la proposta della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, che – per bocca del drammaturgo Aurelio Pes – chiederà al Capo dello Stato che la Sicilia venga riconosciuta vittima della mafia e le sia assegnata una medaglia al valore civile.

La proposta sarà ufficializzata domani, martedì 21 maggio, alle 10, nella Sala Gialla di Palazzo dei Normanni, a Palermo, dove la Fondazione Famiglia Piccolo illustrerà l’iniziativa “Cultura è legalità: una luce per la Sicilia”. Interverranno, fra gli altri, Geraldina Piazza, giornalista e nipote del giudice Cesare Terranova, Aurelio Pes, drammaturgo, e il giornalista e scrittore Alberto Samonà.

Simbolico e, al contempo, dal forte significato anche il titolo dell’iniziativa: infatti, giovedì 23 maggio, alle 17.58 nella casa-museo di Villa Piccolo a Capo d’Orlando, verrà accesa al pubblico la prima lampadina elettrica (ancora perfettamente funzionante), inventata nel 1879 dall’americano Thomas Edison. Una piccola cerimonia, che nell’anniversario della strage di Capaci, vuole simbolicamente ricordare il sacrificio di Giovanni Falcone, di Francesca Morvillo, degli agenti Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani e di tutti quelli che hanno perso la vita per combattere la criminalità mafiosa.

Nel corso dell’incontro alla Sala Gialla sarà mostrata la lampada elettrica di Thomas Edison e Geraldina Piazza leggerà l’originale della lettera autografa che il giudice Giovanni Falcone le scrisse l’11 febbraio del 1983, in merito all’uccisione del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa. Una lettera, che oggi apre ulteriori interrogativi su connivenze e responsabilità non ancora del tutto chiarite.

“Cultura e legalità – sottolineano dalla Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella – non possono essere scisse. Chi oggi offende la cultura, siano essi politici, amministratori, burocrati o la stessa indifferenza, favorisce l’ignoranza che è il terreno su cui si fonda la criminalità. Per questo, crediamo che la cultura sia una possibilità concreta per combattere la mafia e onorare una terra che ha pagato un enorme tributo di sangue”.

 

 

 

Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella

Museo Parco di Villa Piccolo SS. 113, Km. 109

98071 Capo d’Orlando (Me) – Ente Morale DPR n.201/1972

Tel./Fax: 0941 957029 – Wind: 331 4924743

www.fondazionepiccolo.itinfo@fondazionepiccolo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.