Ultime

Domani a Firenze lo spettacolo “Papille. Una storia vera”

Pin It

GLUE Alternative Concept Space presenta:

LOUNGERIE in
“PAPILLE.
Una storia vera”

mercoledì 6 febbraio 2013 @ GLUE Alternative Concept Space

V.le Manfredo Fanti, 20 – Firenze
Apertura ore 21.00 | Spettacolo ore 21.30

Ingresso gratuito con tessera Glue/US Affrico

Modalità di tesseramento: http://www.gluefirenze.com/wordpress/?page_id=89

 

***

Papille è un’operina musiculinaria, dove i personaggi, ciascuno con i suoi tic e le sue strampalate battute, dialogano e cantano, costruendo una storia fatta di comicità, di ricette, di misteri e di allusioni al mondo di oggi.

“La cucina è come la vita”, recita una battuta dello spettacolo. E in una cucina immaginaria si ritrovano i cinque personaggi che danno vita allo show.

Anna Nas (Elena Mellino), la più grande chef dei 5 continenti, proverà a insegnare la filosofia culinaria agli altri aspiranti cuochi: Armand D’Orleau (Emiliano Dominici), il francese con lo spleen e una passione per la frutta secca; Christian D’Avena (Christian Quagli), il seguace della dieta macrobiotica; Penny Chella (Alessandra Falca), che beve solo caffellatte e cade in catalessi; Amanda Rancio (Sara Bagnoli), poetessa in incognito con la tendenza ad alzare il gomito. Ma c’è anche un mistero, in questo nuovo spettacolo dei Loungerie, che porta avanti la narrazione e che si rivelerà solo alla fine. Chi è, in realtà, Anna Nas? E perché si comporta in modo così strano? Che cosa nasconde agli altri?

Per scoprirlo non resta che vedere Papille, gustandosi le canzoni che arricchiscono lo spettacolo: Acciughe alla Povera, Pollo Reggae, Quiero la Salsa, Frutta Caramellata e molte, molte altre. Riusciranno i nostri eroi a diventare dei bravi cuochi? Forse sì, forse no. Di sicuro, nel provarci, vi faranno venire l’acquolina in bocca. E le lacrime agli occhi. Dalle risate, ovviamente.

 

TG3 Toscana: http://youtu.be/O4zup5jSoZo
Promo: http://youtu.be/F-MLwKboUwg

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*