Ultime

L’angolo della poesia: “Deriva” di Carlo Bramanti

Pin It

Cari amici, oggi vi proponiamo la poesia Deriva di Carlo Bramanti, talentuoso autore che già abbiamo avuto modo di apprezzare in questa rubrica (Oltre, Ti disperi, Stanco, A tarda sera).

Prima di lasciarvi alla lettura di questi nuovi versi, vi ricordiamo che potete inviarci le vostre poesie a info@ilmiogiornale.org, accompagnate da una breve autobiografia.

Non solo: fino al 17 giugno 2012 potete anche partecipare al concorso di poesia indetto dal nostro giornale e dal portale letterario L’isola della poesia. Per saperne di più leggete qui: Parte la 2^ edizione del premio di poesia “Paola Albanese”

 

 

Deriva

 

Il bimbo

della vicina

s’è appena addormentato.

Il Vento no.

Nel buio,

continua a premere

sulle mie tempie di vetro,

a cercare ricordi

e sogni

che ho amato.

Ma anche i bagagli

di sogni

più leggeri

pesano, se portati da una vita,

se una corrente

li allontana

pian piano

dal domani.

E se poso il cuore

nudo come poesia

in una bottiglia,

come adesso,

non posso

che pensare a te,

prima di donarla

al mare.

La deriva

di ciò che ho dentro

è nei tuoi occhi,

dai quali non potrò

più guardarmi.

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*