Da domani a Firenze la mostra collettiva “Il Sopruso Silente”

 

UNA MOSTRA DI ARTE CONTEMPORANEA A FIRENZE:

“IL SOPRUSO SILENTE”

 

 Collettiva di arte contemporanea nell’Ex Chiesa fiorentina dei Barnabiti
(Ex Chiesa San Carlo dei Barnabiti, Via S.Agostino 23 a Firenze)

Inaugurazione venerdì 3 maggio 2013, ore 17.00.

Obiettivo: raccolta fondi per l’Associazione “Pantagruel” di Firenze.

 

 

Il Sopruso Silente” è una mostra collettiva itinerante di arte contemporanea sia figurativa che letteraria. La prima tappa si è svolta a Ferrara nel mese di Marzo. Gli artisti esposti sono più di trenta, provenienti da tutta Italia e da oltre confine. Il tema che lega tutte le opere è la violenza quotidiana nelle sue molteplici forme (violenza sulle donne, malattia, dipendenze, violenza derivante da ruoli sociali, ma anche da aspetti di tipo culturale, tradizionale e ambientale).

Il Sopruso Silente” è organizzata dal Collettivo Artistico “Non Cresco Più”, in collaborazione con l’Associazione Psike, e si svolge nell’Ex Chiesa San Carlo dei Barnabiti (Via S.Agostino 23, Firenze) da venerdì 3 a domenica 5 maggio 2013.

Il curatore è Sandro Fracasso, che spiega: “c’è una sensazione di paura e di precarietà che permea il nostro quotidiano. Quello che molti chiamano stress è forse meglio espresso come l’esito inarrestabile di un sopruso silenzioso, che si insedia dentro di noi e scava tra le macerie del nostro esistere, fino a trovare il punto di rottura. Di lì in poi si possono comprendere, ma non assolvere, le vite stroncate anzitempo, per propria stessa mano e per colpo inferto soprattutto sui più deboli. Tra questi, i naufragi di milioni di giovani che non riescono più a credere nella propria vita, che attendono una fine che svuoti. Il tema del carcere è particolarmente importante in questo senso di frustrazione assoluta. L’uomo privato della libertà deve poter mantenere un’umanità, deve trovare una strada nella reclusione. Ogni attività che lo possa rieducare, i dati sono evidenti, lo aiuta a reinserirsi adeguatamente nella società.”

La mostra, che prevede, contemporaneamente all’esposizione, anche eventi musicali e letterari, ha come fine quello di raccogliere fondi per l’Associazione per i diritti dei detenuti “Pantagruel”, che opera nel carcere di Sollicciano (Firenze). Nello specifico, i proventi derivanti dalle offerte dei visitatori saranno devolute al finanziamento di attività di recupero sociale dei detenuti attraverso laboratori manuali.

Mostra ad ingresso libero ed offerta libera.

 

Orari di apertura: venerdi 3: 17-24, sabato 4:

 11-24, domenica 5: 14-20.

Artisti in Mostra a “Il Sopruso Silente”: Alessio Balduzzi, Michele Barbieri, Stefano Bonazzi, Carlo Bollani, Claudia Ceolin, Donatella D’Angelo, Simona De Marchis, Roberta De Tomi, Massimo Durelli, Pietro Fornari, Sandro Fracasso, Antonella Iaschi, Luna Malaguti, Andrea Manica, Alice Martemucci, Nevia Marten, Terry May, Gianluca Miano, Attilio Mina, MS Larsen, Maruska Nesti, Marija Obradović, Patgamb, Marco Pieraccini, Pietro Pontieri, Irene Raspollini, Emiliano Rinaldi, Rebi Rivale, Francesco Rossi, Federica Stella, Stefano Urban, Rafael Vindigni, Rami Zakaria.

Saranno, inoltre, esposti componimenti e poesie di reclusi ed ex reclusi del carcere di Sollicciano.

Psike è un’ associazione di promozione  sociale e  culturale, costituita nel dicembre 2012 da un gruppo di giovani artisti di varie discipline (pittura, fotografia, scultura, scrittura). E’ già attiva sul territorio fiorentino a livello di Collettivo da tre anni ed ha collaborato sia con istituzioni pubbliche che con privati ed altre associazioni. L’’obiettivo del progetto Psike è la creazione di un libero spazio artistico nella città di Firenze; un luogo che promuova e sostenga le varie discipline di espressione contemporanea  e gli artisti emergenti; una piattaforma aperta al confronto, alla riflessione, alla discussione ed all’’approfondimento culturale e metodologico correlati al tema dell’’arte nel presente e nel futuro, rivolto all’’intera collettività.

 

Ufficio stampa: Studio Eventi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *