Celebrazioni per il 25 aprile a Barberino di Mugello

25 Aprile 2016 a Barberino

25 Aprile 2016 a BarberinoAnche Barberino di Mugello si prepara a celebrare degnamente la ricorrenza della Festa della Liberazione con un ricco programma di eventi, spalmato sull’intera giornata e che vede il coinvolgimento di numerose associazioni.

La manifestazione avrà un prologo domenica 24 aprile quando, al circolo Arci di Barberino, la locale sezione dell’ANPI, Liberamente e ARCI, alle 21, presentano lo spettacolo teatrale “La mia vita prigioniera”, a cura di Diremare Teatro, ispirato al memoriale di deportazione di Elio Bartolozzi.

Le commemorazioni ufficiali del 25 aprile si apriranno lunedì mattina alle 9.30 con il ritrovo davanti al Municipio e la deposizione di una corona al Monumento ai Caduti di tutte le guerre nei giardini di Viale della Repubblica, con il saluto delle autorità che aprirà il Corteo accompagnato dalla musica della Filarmonica Giuseppe Verdi di Barberino che si concluderà alle 11, alla Pieve di San Silvestro con la Santa Messa.

Nel pomeriggio, dalle 16, il Centro Civico ospiterà “In cammino verso la libertà”, evento a cura del Comune e dell’Associazione Culturale E.S.S.E.R.E. Marta Baiardi, dell’Istituto Storico della Resistenza in Toscana presenterà “La mia vita Prigioniera”, il memoriale del barberinese Elio Bartolozzi, deportato a Mauthausen, del quale saranno letti alcuni brani, accompagnati dai canti del Coro Alpino del Mugello. A seguire saranno lette, sempre accompagnate dai canti del coro alpino, “Lettere di condannati a morte della resistenza italiana”.

“Abbiamo ritenuto opportuno, spiega l’Assessore alla Cultura del Comune di Barberino, Fulvio Giovannelli, realizzare un programma di iniziative che desse giusto risalto all’importanza della celebrazione, in un periodo in cui venti di guerra e notizie di stragi sono purtroppo all’ordine del giorno. In un momento di crisi di valori ricordare il dramma della guerra, valorizzando anche il memoriale di Elio Bartolozzi, testimonianza locale di questo dramma, ci è sembrato il modo migliore per celebrare la Festa della Liberazione, riscoprendone i valori, ancora attualissimi. Soprattutto la cultura, la memoria e il conoscere possono evitare il ripetersi di simili avvenimenti. E’ questo lo scopo principale delle diverse iniziative che il Comune ha promosso (cosa che intende continuare a fare) con il progetto I conflitti della memoria’. Per questo, conclude Giovannelli, ringrazio tutte le associazioni che hanno attivamente collaborato, in particolare l’ANPI, che ha il compito e la responsabilità di custodire i valori che sono alla base della nostra democrazia”.

 

Fonte Comune di Barberino di Mugello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*