Carceri sovraffollate… anche di innocenti

Carceri sovraffollate… anche di innocenti

di Ernesto Bodini
(giornalista e opinionista)

carcere sovraffollatoPur non volendo peccare di retorica va sottolineato che il genere umano sin dalla sua comparsa è sempre stato contraddistinto dal suo agire in bene e in male verso i propri simili; ed ogni epoca ha richiesto la necessità di creare le cosiddette patrie galere. Ma con quali risultati? Non è il caso di “sconfinare” e per una riflessione sarebbe sufficiente soffermarci sulla realtà italiana. Infatti, da una recente analisi, le carceri nel nostro Paese non godono di buona salute, nonostante il tanto invocato (e non rispettato) art. 27 della Costituzione che enuncia: «Le pene (…) devono tendere alla rieducazione del condannato», così sancendo il principio del finalismo rieducativo della pena, la cui giustificazione etica e logica, evidentemente, non può non fare riferimento alle specifiche esigenze della rieducazione e risocializzazione del condannato. Ma di fatto pare che non sia così perché, secondo i dati del Dossier “Dentro o fuori” (pubblicato da Openpolis), l’Italia è sesta in Europa per sovraffollamento, con un tasso del 109% in alcuni istituti; e su un totale di 54.000 detenuti, gli stranieri sono quasi il 34%, mentre 18.500 sono reclusi in attesa di giudizio definitivo, di cui la metà in attesa di primo giudizio. Ed ancora. Dal 2000 ad oggi i detenuti con più di 70 anni di età sono aumentati di oltre l’80%; per non parlare del problema della recidiva: secondo una ricerca commissionata dal Ministero di Giustizia, nel 2007 il tasso dei recidivi era pari al 68%, contro solo il 19% di chi aveva scontato la pena ai servizi sociali; meno del 30% dei detenuti lavora in carcere e, a riguardo, va precisato che i lavori di pubblica utilità sono usati solo per le violazioni del Codice della Strada, e non come reale alternativa al carcere per altri reati. Infine, in carcere si continua a morire: dal 2000 ad oggi annualmente i suicidi sono stati da un minimo di 43 a un massimo di 72; un dato reso ancor più inquietante se si considera che 23 detenuti si sono tolti la vita nei soli primi sei mesi del 2016. Ma il dramma delle carceri italiane va ben oltre considerando (con maggior interesse sociologico ed umano) che dal 2000 ad oggi sono 24.000 i detenuti innocenti per errori giudiziari. Una sorta di ecatombe che grida giustizia sino ai settimi cieli, anche perché oltre al danno psico-fisico patito questi cittadini hanno estrema difficoltà nel dimostrare la propria innocenza (specie se non in grado di assumersi un avvocato personale), per non parlare poi del non sempre equo risarcimento (stabilito per legge) e i gravissimi postumi della lesa loro dignità umana. Una realtà, questa, che ci riporta a paragonare questi detenuti alla schiavitù in versione… moderna in quanto il cosiddetto “acquirente” non è il “padre-padrone”, bensì lo Stato!

Alberto Matano in Sono innocentePer richiamare l’attenzione su questo fenomeno che dovrebbe essere ben lontano dai nostri tempi, ci ha “pensato” la Rai TRE che ogni sabato alle ore 21,15 (dal 7 gennaio scorso e per dieci puntate) manda in onda il programma “Sono innocente”, condotto dal giornalista Alberto Matano (vedi foto) e con la regia di Alessandro Tresa. Circa due ore per raccontare gli errori giudiziari e le traversie delle persone che sono state coinvolte (dall’arresto alla detenzione) dal quel Sistema Giudiziario che presenta non poche lacune in fatto di obiettività e rispetto umano. Un fenomeno che rappresenta ancora un tabù e quindi ben venga la conoscenza di questi “casi” che non possono che toccare l’animo, magari con il proposito di risvegliare quelle coscienze che sono da sempre sopite per indifferenza ed… egoismo: «… tanto non può capitare a me perché non ho commesso nulla di illegale». Un auto-conforto che si contraddice quando l’evento tocca proprio la persona onesta. Le vicende affrontate da Rai 3 sono particolarmente significative perché riguardano generalmente persone comuni: «Vivere l’esperienza del carcere – è l’introduzione al programma di Matano – ti cambia la vita ancora di più quando non sei colpevole… Il dramma e il riscatto di uomini e donne accusati ingiustamente, storie di persone che da una vita normale e tranquilla si trovano catapultate in un vero e proprio incubo, ossia la realtà cruda, difficile del carcere…». Nomi e cognomi, poi l’inversione di marcia: «… ci siamo sbagliati, siete liberi». E questo perché frutto di valutazioni, giudizi e sentenze talvolta avventate da parte di giudici, giurie in collaborazione con medici psichiatri, psicologi, criminologi; figure, queste, che si accingono a “modificare” il destino di più persone. Se è vero che un errore giudiziario rappresenta l’angoscia del magistrato, soprattutto quando investe la libertà della persona, è bene che tale rappresentante della Giustizia si immedesimi il più possibile nella sofferenza di colui o coloro che giudicheranno essere colpevoli… (ma che in realtà non lo sono), magari per delazione di qualche pentito.

La somma delle inefficienze della nostra legislazione (ieri come oggi), che per non smentirsi non risparmia neppure la “categoria” dei pentiti, non certo è priva di fratture e debolezze al suo interno, tanto che a Lucca corre un vecchio detto: “Se i pentimenti fossero camicie, uno avrebbe un bel guardaroba”. A rafforzare l’esigenza di ben valutare la considerazione dei pentiti, il principe del Foro milanese, il penalista Agostino Viviani (1911-2009), in occasione di una conferenza tenuta a Torino, ebbe a precisare: «Tra questi individui non c’è quasi mai chiarezza per stabilire la sincerità del pentimento; una condizione questa, che non di rado trascende in veri e propri atti d’accusa e di delazione per salvarsi o trarre qualunque tipo di vantaggio…». I giudici dovrebbero permettere una lunga disamina su come devono essere utilizzate le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia (“pentiti”); in pratica non basta che dicano cose coerenti e che si confermino tra di loro, ci vuole anche un riscontro, qualche cosa che somigli a una prova. Ma purtroppo, in quei 24 mila errori giudiziari commessi in quest’ultimo ventennio, come dimostra anche la trasmissione di Rai3, la voce del pentito si è resa inaffidabile. E ciò induce ai seguenti quesiti.

Pur nel rispetto del Codici, come attuare con maggior certezza le modalità per giudicare una persona “sospettata” di aver commesso un reato? E quali garanzie riservare alla stessa? A mio avviso credo che non siano sufficienti le procedure di indagine e le eventuali testimonianze, e la saggezza vuole che anche nel minimo dubbio la persona indagata e/o sospettata debba godere della incolumità, in caso contrario si incrementerebbe l’elenco delle persone detenute innocenti. In tal senso il richiamo è al principio della libertà e dell’uguaglianza di tutti gli uomini di fronte alla Legge, un progresso sociale tanto invocato da Voltaire (Francois Marie-Arouet: 1694-1778) e Montesquieu (Charles-Luis de Secondat: 1689-1755); come pure il Movimento di riformatore di Beccaria (Cesare Bonesana, marchese di Beccaria: 1738-1794), la cui opera “Dei delitti e delle pene” influenzò sin dal XVIII secolo le riforme delle legislazioni penali di numerosi Stati italiani ed europei, fondandosi sui concetti di dignità umana e certezza del diritto, ove si precisa che la figura del (reale) criminale è quella di un individuo dotato di assoluto libero arbitrio, capace di autodeterminarsi, non condizionato da influenze socio-ambientali, né da proprie motivazioni psicologiche. Oggi, questa valutazione è sicuramente mutata nel tempo e le migliaia di persone perseguite e detenute innocenti ne sono una prova.

Senza andare oltre, e in “difesa” della dignità di queste ultime, come biografo e divulgatore credo sia saggio considerare quanto sosteneva il filosofo alsaziano Albert Schweitzer (1875-1965): «Non si ha il diritto di indagare nell’intimo degli altri. Il voler analizzare i sentimenti del prossimo è indelicato. Non c’è solo un pudore del corpo, esiste anche quello dell’animo che bisogna rispettare. Anche l’animo ha i suoi veli, dei quali non ci si deve liberare». E gli ospiti come quelli della trasmissione di Matano hanno ben ragione di gridare: «Sono innocente

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*