Borgata Romana anni ’50

Borgata Romana anni ’50

S’è fatto giorno sulla Gordiana borgata,

‘n’artra  povera fija de ‘na Roma ferita.

‘Na luce sbiadita, se posa assonnata,

sulle sgangherate baracche de legni.

Lamiere e cartoni, je fanno da tetti.

Alle posticce finestre, plastiche zozze, je fanno

da tende, che er vento strapazza, er sole arroventa.

Nelle stradine ignote de nome: buche, erbacce,

e arida téra, che arzata dar vento, te strigne la gola.

Gomme squarciate, carcasse de auto fregate,

robbacce ammucchiate, je fanno recinto,

mentre guardeno tristi, li monti lontani.

Qui, stanche figure se movono vinte:

facce scavate, sorrisi sdentati, giovani donne sfruttate,

regazzini ‘nvecchiati, sempre pronti alla lotta.

Gente senza certo domani, ‘ndò l’onestà è ‘n lusso pei ricchi,

e l’omertà ‘na regola imposta.

Er glorioso acquedotto, guarda, e rimpiange i suoi giorni de gloria,

fra strilli vorgari de donne e bambini, che feriscono er cielo.

La sera, ‘na zecchinetta, ‘no scopone, ‘n tresette, ‘na morra,

e er solito litro pé  posta, co la solita lite finale che sbotta.

Ner cielo, ‘na luna mammona, stende pietosa, ‘n’oscura coperta.

Bruno Guidotti

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*