Ultime

Una bella iniziativa dell’Accademia di Medicina di Torino

Un sabato all’insegna della cultura letteraria tra vocazione medica ed umanistica.

Pin It

di Ernesto Bodini
(giornalista scientifico)

logo amsiIn alcuni professionisti, come i medici in particolare, c’é sempre stata e c’é ancora voglia di fare cultura una volta smesso il camice e posato il fonendoscopio, ma spesso anche durante l’attività medica. Spirito edonistico e di continuità dopo gli studi universitari hanno dato vita, sin dal 1951, all’Associazione Medici Scrittori Italiani (AMSI) fondata dal chirurgo piemontese Achille Mario Dogliotti e oggi, a distanza di alcuni decenni, il ricettario medico è “affiancato” da pagine e pagine in bianco da riempire con racconti, favole, romanzi, poesie. Ma anche esperienze di vita durante e dopo la professione di medico per entrare nella patria letteraria, tra infiniti ricordi e rievocazioni reali e a volte fantasiose al centro della vecchia Torino o ai suoi confini. Ed è con queste finalità che sabato 1 luglio l’Amsi ha organizzato la rassegna letteraria tra i suoi associati “Torino nei miei occhi di Medico – La città e la professione vanno a braccetto nei miei ricordi”, coordinata dalla sua presidente (e poeta) Patrizia Valpiani, medico di famiglia e odontoiatra. Ben 16 gli autori all’Accademia di Medicina (oggi presieduta dal dott. Alessandro Comandone) per la lettura di una ventina di brani da parte degli stessi e alternata dall’attrice e lettrice Cristina Tira, con brevi intermezzi musicali dalla chitarra del medico di famiglia-oncologo e scrittore Marco Gaddi. Un piacevole e… rilassante intrattenimento per un pubblico attento che ha occupato la storica Sala delle conferenze accademiche, alle cui pareti primeggiano i ritratti di illustri cattedratici che hanno onorato la patria subalpina con il loro sapere scientifico e dottorale.

la serpeOgni autore dell’Amsi invitato al podio per essere presentato con due brevi note di curriculum, e per leggere uno spezzone dei propri elaborati, ha dato “sfogo” e censo alla propria memoria descrivendo la Torino dei suoi tempi, e con essa gli aspetti più suggestivi che ne hanno caratterizzato il percorso di medico e di cittadino. Profondi ma anche intimi pensieri che vanno dai primi approcci accademici ad oggi, non privi di nostalgia nonostante sacrifici e rinunce per giungere all’ambita meta di medico prima e di scrittore poi. Giovinezza, maturità, determinazione ed amore per la cultura sono le componenti che i soci Amsi hanno fatto emergere quell’Io non in senso “ego”, ma più semplicemente come attitudine a prendere coscienza di sé e del mondo in cui si è chiamati, così da poterlo comprendere e se possibile… migliorare. Scienza ed Arte sembrano formare così un binomio vincente e, su queste basi, l’Amsi ha ben ragione di osservarne la continuità. L’Amsi, che ha sede a Torino, redige il periodico “La Serpe”, ed è aderente all’Union Mondial Ecrivains Médécins (U.M.E.M.).

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*