Ultime

Esclusiva, Bagheria (Pa): Il maialino bacchetta le affissioni abusive

Pin It

Campagna elettorale a Bagheria (Pa): si ad una città pulita, si al rispetto del paese, si alla legalità, ma purtroppo si tratta di buoni propositi e belle parole che cozzano con quello che succede in questi giorni per le vie della città.

Manifesti di propaganda elettorale in ogni dove per le strade della cittadina siciliana: sui cassonetti dell’immondizia, sui muri non predisposti all’affissione, sui pali dei lampioni della luce, sulle cassette delle lettere dei cittadini. Una campagna elettorale dove l’affissione selvaggia fa da padrona. Sicuramente in questi giorni le tipografie bagheresi avranno le casse piene, vista la richiesta da parte dei candidati, di manifesti, volantini, fac-simili di cartelle elettorali e similari. Uno sperpero di denaro che non da nemmeno i frutti desiderati, visto che quasi quotidianamente un manifesto viene ricoperto da un altro, creando innumerevoli “strati di candidati”.

 

 

Ma di tutto ciò cosa ne pensano i cittadini?

Molti criticano questa scelta, sia perché obsoleta, visti i mezzi di comunicazione e promozione che vi sono attualmente, sia perché reca danno alla cittadina che è tappezzata di cartaccia che si aggiunge alla sporcizia della città e che non fa altro che far etichettare i candidati in questione come poco rispettosi e incivili.

 

 

 

A contestare questi “atti vandalici legalizzati” ci ha pensato LaboratorioB, che già a febbraio scorso, aveva realizzato e distribuito, con l’intento di riuscire a catalizzare quell’importante reazione chimica che si chiama senso civico, un adesivo sul quale un maialino, guardando chi lo asserva, chiede: con che faccia sporchi le strade della tua città?  In risposta a questo nuovo atteggiamento di poco rispetto, i componenti di laboratorioB hanno deciso di ripetere l’esperimento distribuendo un adesivo in cui il maialino, oltre a porre la stessa domanda, dichiara che il manifesto elettorale, su cui è affisso, è abusivo.

 

 

 

L’obiettivo di questo campagna contro l’affissione selvaggia è quello di sventare la forma maentis secondo la quale gli spazi pubblici non sono luoghi appartenenti all’intera collettività, ma una no man’s land, terra di nessuno: strade, piazze, ogni centimetro quadrato che sta fuori dalla porta di casa può essere a buon diritto insozzato e divenire deposito a cielo aperto di ogni tipo di scarto.

“Se a fare ciò, -dichiarano i promotori dell’iniziativa- occupando abusivamente i muri della nostra città, è chi dovrà prendere la parola in consiglio comunale per trattare temi legati all’igiene pubblica, è molto grave. Attendiamo la risposta della società civile che, siamo certi, non starà a guardare.”

Speriamo davvero che la popolazione colga davvero il significato di questa campagna che ha come obiettivo l’abbattimento di una mentalità poco adatta a coloro che dovranno governare la cittadina del palermitano.

Giusy  Chiello

Redattrice -giusy.chiello@ilmiogiornale.org

Foto: Elisa Martorana

Pin It

4 Commenti su Esclusiva, Bagheria (Pa): Il maialino bacchetta le affissioni abusive

  1. e bravi i ragazzi di Laboratorio B!

  2. Ottima iniziativa,,, un bel maialino sulle facce si fa per dire: “di bronzo” che sporcano la nostra citta…
    Buon lavoro ragazzi!

  3. Elisa Atanasio // 27 Aprile 2011 a 16:37 //

    Gentile Ing. Rizzo, posso farle una domanda? A parte il periodo di campagna elettorale in cui ha cominciato ad interessarsi dei gravi, come li definisce lei, problemi della città, dove è stato negli anni scorsi? Glielo chiedo perchè Laboratorio B, Laboratorio di cretinate come lo definisce lei, invece ha offerto sin da subito ( 28 Novembre 2010) il proprio contributo alla città, mettendo sul tavolo le proprie idee programmatiche, intervenendo sulla stampa locale con articoli relativi a linee di sviluppo a basso costo (come lo sfingione De.C.O. da lei prontamente dileggiato, che invece ha riscosso molti consensi da parte degli esperti del settore turistico ed enogastronomico), con un primo adesivo del maialino contro la cattiva abitudine di insozzare le strade cittadine e adesso con un secondo adesivo contro l’affissione selvaggia. Non male in soli 5 mesi. Lei in 5 mesi cosa ha fatto?. Mi corre poi l’obbligo di ricordarle che alcuni dei fondatori di Laboratorio B provengono dalla positiva esperienza di Baghering, associazione che in soli 2 anni di attività ( è nata nel 2009) ha sporto denuncia al N.O.E. dei carabinieri relativamente alle discariche abusive in via Catullo e via Sant’ Isidoro, ha reso pubblico l’ormai noto caso Sarello, nel quale venivano riversate in mare sostanze che avrebbero altrimenti dovuto essere depurate…ed altro che non sto qui ad elencarle per non essere troppo prolissa. Cosa Ha fatto lei negli ultimi 2 anni?( scusate se rispondo qui ma su facebook non riesco a pubblicare)

  4. Domenico Mastrolembo // 16 Maggio 2011 a 12:42 //

    Tutti hanno nei loro programmi il decoro della città, potrtare la citta a un “decoro urbano” per incrementare il turismo.
    E’ sotto gli occhi di tutti come non interessa a nessuno visto il deturpare del decoro della città con i manifesti di quasi tutti i candidati.
    Io sono un candidato a cui mi stà a cuore il decoro urbano di Bagheria e lo dimostra che ho deciso di non fare manifesti di propaganda elettorale, la mia propaganda è fatta da un facsimile che consegno al cittadino bagherese. Da quì si vede la coerenza della persona a portare avanti il programma politico.
    sono le piccole cose che fanno le grande cose di un paese.
    Nico Mastrolembo

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*