Ultime

Bagheria: il falso mito del turismo secondo un lettore

Pin It

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore, M.P.O., che vuole dire la sua su Bagheria e le sue possibilità di sviluppo:

Il Falso mito del Turismo

Il rilancio di Bagheria passa attraverso il Terziario

Negli ultimi mesi questo angolo, per la bocca di alcuni suoi cittadini, sia nelle sue formazioni politiche che nelle sue formazioni cittadine, interpreta e paventa la chiave turistica come il necessario e improcrastinabile passaggio per la ripresa economico-strutturale della Città. Quanto di più illusorio e quanto di più superficiale si potesse pensare. Partendo nell’ordine, ecco una serie di motivi per cui è una strada ancorché praticabile, inaccessibile:

1  Il Turismo ha bisogno di rilancio infrastrutturali, cosa che al momento non è possibile realizzare.

2  C’è una forte carenza delle strutture ricettive, non localizzabili solo in strutture alberghiere, ma in una vera e propria insufficienza di luoghi atti alla ricezione primaria del turista.

3 L’idea malsana quanto illusoria di utilizzare le ville(alcuni ingenuamente pensano di aprirle) manca totalmente di una base, in quanto la maggior parte delle ville sono private, il loro utilizzo comporterebbe costi per l’amministrazione, e soprattutto resta aperto il dubbio della loro effettiva ricettività turistica (a  prescindere dal gusto estetico, delle attrattive barocche sono localizzabili in altre parti della Sicilia con una storia e un adeguato sistema che riesce a supportare la domanda del turismo culturale).

4 Il processo turistico comporta anche un humus culturale che di certo i Bagheresi, e la “Bagheresità” , non possiede. Seppur suscettibile di opinabilità, Bagheria nel corso degli ultimi anni ha offerto diverse attrattive che gli stessi bagheresi hanno puntualmente snobbato.

5 Seppur semplicisticamente, Bagheria è un paese dormitorio, nel senso che la maggior parte di chi ci vive non ci lavora, e torna a casa la sera con il totale disinteresse, vedasi le continue deresponsabilizzazioni che puntualmente il cittadino Bagherese offre quando si parla di problematiche interne.

Volendo essere più  chiari, e meno teoretici in ciò che si vuol comunicare, vista la rapida e quanto mai necessaria riqualificazione in senso metropolitano della città delle ville e dei limoni, il vero volano dello sviluppo cittadino è da rintracciarsi nel potenziamento dei servizi, in quanto Bagheria si appresta, secondo i piani futuristici dell’urbanistica di medio-breve periodo, a collegarsi a Palermo, deposito e ricettore naturale del golfo, linea di conduzione dell’intero comprensorio.

Bagheria, città dormitorio, deve poter ampliare l’offerta di servizi alle imprese del terzo settore, incanalare la strada dell’informatizzazione, costituire al suo interno un centro di organizzazione di eventi perenni, non riducendo il tutto ad attrattiva turistica bensì a potenziamento dell’area palermitana. Fare ciò significa innanzitutto delocalizzare attività palermitane nel territorio, defiscalizzare e incentivare con zone franche non solo per aree artigianali, significa dimenticare anche il mito dell’industrializzazione, cosa che neanche nell’età d’oro di Bagheria è mai esistita, vista la stupidità con cui hanno fatto fallire l’agroalimentare (riempendosi le tasche e costruendo case e casette certi galantuomini che passeggiano per il corso Umberto con quella spocchia da industriali decaduti).

Bagheria, gattopardianamente, dovrebbe ridurre i propri sforzi in senso sempre verticistico o provincialistico, e dovrebbe allinearsi ad una produttività legata allo sviluppo del terziario, terziario avanzato, di base privata, perché il pubblico è solo un cancro o un lavorificio come lo si voglia intendere. Ma viene da pensare, come si fa tutto ciò?

Sono stati scritti, elaborati innumerevoli trattati, è stato coniato il concetto economico strutturale di SVILUPPO LOCALE per intendere un modo federalistico di fare ricchezza, ma siamo onesti con noi stessi, Bagheria non avrà mai questo sviluppo fino a che non verranno depotenziate quelle famiglie che impongono il silenzio e la tranquillità di villeggiatura dalle nostre parti, l’economia non si riprenderà se non avremo un mercato libero, un mercato che sappia superare la solita zolfa dei negozi d’abbigliamento o di ristorazione, il servizio, la mentalità di imprenditori sul modello olandese è possibile scardinando i patriziati economici della città, rimodulando gli abusi di potere delle burocrazie anchilosate e oleate dalle solite mani.

Se sul finire del millennio scorso i Bagheresi si resero conto che il limone l’avevano “scaffazzato” troppo, è tempo che capiscono che quello da “scafazzare” è la mentalità che ha fatto buttare tonnellate di limoni per fregare lo Stato. E forse un giorno il Bagherese capirà che è meglio creare che “futtiri”…………..

Lettera firmata

Pin It

3 Commenti su Bagheria: il falso mito del turismo secondo un lettore

  1. Concordo pienamente con tutti i punti elencati. Il Programma Amministrativo del nuovo Sindaco Lo Meo parla proprio di questo ricordando come a Bagheria esistono solo circa 180 posti letto in totale (comprese anche quelli non in strutture ricettive) e come lo sviluppo debba essere legato all’area metropolitana Est di Palermo.
    Noi diciamo “Bagheria al servizio e di servizio all’area metropolitana”.
    Mi piace soprattutto la chiusura della lettere “… è meglio creare che futtiri”

  2. ricordando che il NUOVO SCHEMA DI MASSIMA vuole GHETTIZZARE IL TURISMO.. condannando a MORTE strutture zone a vocazione turistica come ASPRAMARE,
    riteniamo interessante diffondere il documento pubblicato.. https://www.ilmiogiornale.org/bagheria-il-falso-mito-del-turismo-secondo-un-lettore/comment-page-1/#comment-3997 dove finalmente “smitizza” la mancanza proprio di una cultura NON legata all’edilizia dormitorio! il turismo è tutt’altra cosa.. e aggiungerei vanno anche rispettati e ricercati “OPPORTUNI FATTORI DI SCALA”!! Grazie..
    Pietro – ASPRAMARE

  3. Angelo Puleo // 8 Settembre 2011 a 14:00 //

    Peccato non si conosca il nome dell’autore di questa completa e opportuna lettera ove si analizza lo status quo di Bagheria … siamo all’anno zero per quanto concerne l’attivazione della prima industria al mondo per fatturo, il turismo.
    Bagheria per dimensione e posizionamento geografico è destinata al terziario:
    – il settore primario economico è ormai per sempre scomparso;
    – quello indistriale, dopo aver tentato di muovere i primi passi, si è spento;
    – l’artigianato è anch’esso emigrato.
    Cosa resta? … tuttosommato ancora tanto, almeno potenzialmente.
    Sono convinto, come già molti sanno, che con duro, serio e meticoloso lavoro, Bagheria potrebbe, pianificando, pian piano strutturarsi e colmare una parte della sue lacune nel settore turistico per finalmente tornare a “produrre” … attivare la filiera del turismo.
    Spero che la nuova Amm.ne comunale possa operare con serenità e determinazione sia per “ordinare” il territorio sia per consentire ai privati di creare/ottimizzare le loro idee e risorse progettuali riguardanti il settore turistico.
    Proficuo lavoro a Bagheria e a tutti i bagheresi (compreso me …).

1 Trackback & Pingback

  1. Bagheria: il falso mito del turismo secondo un lettore | TravelSquare

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*