Assistenza ai trapiantati: le iniziative dell’Associazione sarda trapianti

Logo dell'Associazione Sarda TrapiantiIl parere e le iniziative dell’Associazione Sarda Trapianti su :

1)  Brotzu cure odontoiatriche Trapiantati

2) Rimborso delle spese di viaggio e dei sussidi mensili per tutti i trapiantati.

 

Per amore della verità e dei fatti ho ritenuto a nome della mia Associazione di riportare a pubblica conoscenza questa comunicazione, avendo il parere ed il conforto positivo della Associazione ASNET.

1) Sulla interruzione delle cure odontoiatriche ai pazienti in lista d’attesa e dei Trapiantati, anche noi siamo al corrente da sempre e abbiamo letto sul quotidiano l’Unione Sarda la protesta di un gruppo di pazienti trapiantati che si lamentano giustamente della interruzione delle cure dentarie.

A tal proposito avendo acquisito in precedenza gli atti e le proteste dei pazienti siamo intervenuti, a partire dal 2 marzo, presso la Dott.ssa Pintus Commissario del Brotzu e del  Dott. Nazzareno Pacifico, Direttore Sanitario con le seguenti note:

“Sig.Commissario,

sono a chiedere un intervento per riprendere il trattamento odontoiatrico nei pazienti trapiantati interrotto per cause sconosciute .

Allo stato attuale sono stati trattati 5 pazienti, di cui 3 affetti da grave edentulia totale per la mancanza di tutti gli elementi dentali in entrambe le arcate dentarie; e 2 affetti da edentulia totale di una sola arcata dentaria.

 Questi pazienti sono già stati operati per il posizionamento delle viti endoosse, e sono in attesa di essere finalizzati con la seconda parte che prevede la realizzazione della protesi che gli permetterà di masticare.

Queste persone sono in una situazione di enorme disagio sia per la precarietà in questo momento di transizione dalla fase di posizionamento chirurgico delle viti alla finalizzazione del caso (periodo di circa 3/4 per la guarigione delle viti), in quanto non sono in grado di alimentarsi correttamente, sia per la mancanza di chiarezza da parte dell’Azienda per il completamento della loro riabilitazione dentaria.

La ringrazio e rimango a sua disposizione per eventuali chiarimenti.

 

6 Marzo 2015

Al Commissario

Purtroppo sono fuori Sardegna per motivi terapeutici ma  ti prego di intervenire tempestivamente per risolvere il caso a salvaguardia della salute dei pazienti.

Attendo vostra risposta prima di intervenire pubblicamente presso i media ed eventualmente presso la Giunta Regionale.

Aspetto vostre risposte.

 

9 Marzo 2015

Al Commissario

Scusa la mia insistenza ma è necessario tranquillizzare i pazienti e soprattutto quelli più poveri e senza voce che si ritrovano con le cure interrotte.

Aspetto tue

 

Risposta

Poiché il nostro interesse sono i pazienti stiamo lavorando per una soluzione che assicuri loro tutto il necessario, saluti

 

16 marzo

Al Commissario

Non ho però notizie sulla soluzione del problema urgente del progetto di assistenza odontoiatrico che è sempre fermo, con i pazienti che si lamentano con le associazioni perché non riescono a trovare uno sbocco. Probabilmente una soluzione provvisoria che dia risposte immediate ci può essere in attesa di quella definitiva che non conosco ancora.

Attendo tue

 

La risposta verbale è risultata quella che poi il direttore sanitario ha comunicato e cioè il coinvolgimento delle cliniche specialistiche delle università.

Su questa proposta di soluzione del caso attendiamo i fatti concreti di attuazione prima di esprimere giudizi e comunque fermi nella richiesta a nome dei pazienti e soprattutto di quelli più poveri e senza voce che si ritrovano con le cure interrotte.

 

2) Sin dal 23 Novembre 2005 con la nostra PROPOSTA DI LEGGE   REGIONALE è iniziata la Battaglia per rendere giustizia a tutti i trapiantati.

Inviata ai tutti i Gruppi Consiliari contenente le Modifiche alla legge regionale 8 maggio 1985, n. 11:

“Nuove norme per le provvidenze a favore dei nefropatici”. a sostegno dei trapiantati e trapiantandi di cuore, polmone e fegato , secondo le modalità previste dalla legge regionale 8 maggio 1985, n. 11, già modificata con la legge regionale 14 settembre 1993, n. 43, contenente norme per le provvidenze a favore dei nefropatici e trapiantati di rene.>

Dopo anni di battaglie si è riuscito solo a realizzare il rimborso delle spese di viaggio per tutti i trapiantati, commettendo una grave ingiustizia nei confronti dei più poveri e talvolta senza reddito.

 

Non avendo avuto ad oggi nessun riscontro da parte del precedente Assessore De Francisci, con l’incontro del 7 MAGGIO 2014, abbiamo riproposto l’istanza originaria e lasciato anche un PROMEMORIA all’ASSESSORE REGIONALE SANITA’, DOTT.LUIGI ARRU, che comprendeva anche questa richiesta per un intervento atto a trovare le giuste soluzioni al problema che rappresenta solo una giusta e corretta risposta alle istanze a suo tempo formulate.

E non solo, nell’ultima finanziaria regionale la medesima richiesta è stata riproposta (formulata similmente a quella originaria ) ma è stata ritenuta non proponibile!

Crediamo perciò che le associazioni interessate debbano trovare la solidarietà e l’unità di intenti per riprendere insieme con vigore la battaglia da noi iniziata nel lontano 2005.

http://www.associazionesardatrapianti.org/iniziative%202005.htm

 

Iglesias 28 marzo 2015

Giampiero Maccioni

Presidente Associazione Sarda Trapianti  “Alessandro Ricchi”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*