Ultime

Raccontonweb: “S’arca de Noei” di Veronica Atzei

Pin It

Dopo Andrea Anastasi, di cui vi abbiamo proposto Dono tra due mondi, oggi il compito di intrattenervi con un suo racconto tocca ad un altro membro del nostro team: Veronica Atzei.

L’opera che abbiamo scelto per voi è speciale perché è scritta in lingua sarda. Come molti lettori già sanno, infatti, il nostro giornale si propone – tra i suoi vari obiettivi – di dare spazio alle molteplici lingue e culture che pacificamente convivono nel nostro Paese, dando così un piccolo contributo alla loro salvaguardia.

Niente paura, però: chi non conosce la lingua sarda potrà comunque gustarsi questo racconto grazie alla traduzione in italiano fornita dalla stessa Veronica (che è anche autrice della foto).

Prima di lasciarvi alla lettura, vi ricordiamo che dalla prossima settimana riprenderemo a pubblicare i racconti ricevuti da voi lettori. Se siete interessati a partecipare, leggete il regolamento di Raccontonweb!

S’arca de Noei

In is tempus de su dilùviu universali, Noei iat detzìdiu ca una borta a sa cida is animalis depiant ascurtai sa missa. Duncas su domìnigu fadiat sa missa in s’arca. Su preidi ddu fadiat issu e totu, e is animalis ddus pigàt a borta a borta a sagrestanus. Cussu domìnigu fut sa borta de is elefantis a sagrestanus, unu po parti, a su costau de Noei. Sa dii depiant batiai unu pisiteddu nàsciu sa cida ainnantis e Noei ddu portàt in manus, caminendi in mesu de is animalis chi fiant abetendi sètzius me in is bàngus. In is tempus de su dilùviu, cun totu cussa àcua fut sèmpiri ùmbidu e s’elefanti de manca fut arramadiau de morri. Iat poderau e poderau prus chi podiat su sturridu – fiant in crèsia, no dexiat – ma a sa fini, po mori de totu cussu incensu puru, nci ddi fut stupau. Intèndiu mai nd’eis sturridu de elefanti? Unu sciarrocu chi mancu sa giustitzia!

Una pudda padovana de s’atzìchidu nci fut stupada fuendi de in mesu de is bangus e nci fut intrada intra is peis de Noei, ddi iat fatu su trobedda-pei e Noei, a pustis de s’ai fatu unus cantu metrus tuvi-tuvi, nci fut arrutu a terra che unu tzàpu. Su pisiteddu chi portàt in manus si fut pesau a bolai e nci fut spròndiu a su lachitu de s’àcua santa, anca ddu depiant batiai, e ndi fut bessiu melendi, prangi-prangi e sciustu cola-cola. Est de insaras chi is pisitus timint a frusa s’àcua.

L’arca di Noè

Ai tempi del diluvio universale, Noè aveva deciso che una volta alla settimana gli animali dovevano ascoltare la messa. Quindi la domenica faceva la messa nell’arca. Il prete lo faceva lui stesso, e gli animali li prendeva a turno come sagrestani. Quella domenica era il turno degli elefanti come sacrestani, uno per parte, affianco a Noè. Quel giorno dovevano battezzare un gattino nato la settimana precedente e Noè lo aveva in mano, mentre camminava tra gli animali che aspettavano, seduti nei banchi. Ai tempi del diluvio, con tutta quell’acqua c’era sempre umidità e l’elefante di sinistra era molto raffreddato. Aveva trattenuto finché poteva lo starnuto – erano in chiesa, non stava bene – ma alla fine, anche a causa di tutto quell’incenso, gli era scappato. Avete mai sentito uno starnuto di elefante? Un fracasso tremendo!

Una gallina padovana dallo spavento era scappata di corsa da un banco ed era finita tra i piedi di Noè, gli aveva fatto lo sgambetto, e Noè, dopo aver incespicato per qualche metro, era caduto a terra come un sacco di patate. Il gattino che aveva in mano era volato via, finendo nel fonte battesimale, dove lo avrebbero dovuto battezzare, e ne era uscito miagolando, piangendo e bagnato fradicio. È da allora che i gatti hanno una paura tremenda dell’acqua.

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*