L’angolo di Full: “Danza vitale”

L’angolo di Full: “Danza vitale”

uomo che punta una pistola verso chi guardaDanza vitale

Il sicario è scivolato dentro la casa, silenzioso e nero come la sua ombra. Eppure, dall’interno della sua camera, la vittima l’ha sentito: la porta della stanza è socchiusa e l’impulso è quello di correre a sprangarla, ma nessun muscolo muove in quella direzione. Il corpo resta paralizzato mentre il pensiero accompagna il tragitto muto del killer che lascia la sala d’ingresso, sale la breve scala e s’avanza sulla passatoia. Poi, il fascio di luce che attraversa la fessura della porta s’interrompe: l’assassino è lì, dietro lo stipite.
I sensi dilatati della vittima avvertono persino lo scatto lieve della sicura tolta all’arma e il fruscio del silenziatore avvitato sulla canna. Improvvisamente, la molla compressa dal terrore si sgancia in un disperato impulso che gli fa arraffare un’automatica dal cassetto e scaricare l’intero caricatore verso l’aggressore.

La vittima designata è l’architetto Oreste Croce e sa perché lo vogliono uccidere. Conosceva il giorno, l’ora e il luogo dell’esecuzione. E in quel giorno, in quell’ora, s’è fatto trovare solo in casa, puntuale, con la porta aperta, l’allarme disinserito e la domestica allontanata.

  Tre volte, Oreste Croce, aveva tentato il suicidio e tre volte aveva fallito. Ogni fallimento non faceva che aumentare la sua convinzione a chiudere i conti con la vita, ma l’uomo aveva ormai capito che mai avrebbe saputo trovare la determinazione, il coraggio, la freddezza necessari a quel gesto.
Poi, molto banalmente, un brutto telefilm gli aveva fornito l’idea. E Oreste Croce s’era risolto a ingaggiare il proprio assassino.

Ma, ancora una volta, i nervi l’hanno tradito nell’attimo fatale e la sua incontrollata, maldestra reazione ha ottenuto soltanto la fuga dell’aggressore.

Svuotato dalla snervante emozione e avvilito per l’ennesimo fallimento, Oreste Croce riarma la pistola come un automa.
Tuttavia, quest’ultimo scellerato avvenimento gli ha lasciato qualcosa di nuovo, qualcosa che non sa definire, ma che assomiglia a un sentimento positivo. E’ come se la violenta emozione avesse agito da elettrochoc sulla sua depressione e, per la prima volta dopo mesi, intravede uno spiraglio nella fogna che lo sta ingoiando.
primo piano di Fulvio MussoIl solo elemento emerso imperiosamente è il suo viscerale attaccamento alla vita. Un istinto che, per la prima volta, gli evolve in pensiero, in sentimento, diventa coscienza di quel profondo senso di appartenenza universale che, da solo, basta a desiderare, amare e dare un significato all’esistenza. Ed ora osa pensare che la vita, riconciliata, potrebbe riprendere a danzare anche per lui.

Oreste Croce solleva lo sguardo sul prezioso specchio della consolle che gli rimanda un’espressione penosa, ma non più angosciata, insieme all’improvvisa, vivida immagine di chi possiede, ormai, il suo tempo: è un flash. Poi la vita riprende a danzare per lui nel brioso volteggio di una mosca sedotta dal rosso arabesco che va ritagliando il pavimento intorno a una sagoma nera come la sua ombra.

Fulvio Musso

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*