Ultime

Aeroporti pericolosi nel mondo

Pin It

Sea Ice Runway terre nomadiFunchal Madeira

Con questo articolo torniamo, come già fatto la settimana scorsa, al tema “viaggi” e, per la precisione, a quello dei “mezzi di trasporto”. Questa volta parliamo di aeroporti e di alcuni considerati come i più pericolosi al mondo.

Situati su posizioni arroccate, vicino o proprio dentro centri abitati, con piste lunghe solo mezzo chilometro, questi aeroporti non costituiscono una leggenda ma esistono davvero. Ci sono piste d’atterraggio così pericolose che per attraversarle servono piloti davvero esperti per poter compiere atterraggi o decolli senza incidenti.
Ecco riportate, dopo un’attenta analisi, quelle che risultano assolutamente le più insicure ed “eccentriche” (per così dire) piste aeroportuali al mondo.

La prima nella lista è la pista di Madera o “Funchal”, situata nell’ omonima isola portoghese e in funzione dal 1964.
È una pista lunga 2 chilometri ma inizialmente fu costruita lunga solo 1500 metri poi, con l’afflusso del turismo, è stata allungata di 500 metri con un semplice ponte sospeso nel mare. Certamente un atterraggio molto caratteristico.

Al posto seguente troviamo la pista di riferimento per la stazione di ricerca Mcmurdo, in Antartide.
Questo aeroporto (per così dire) non è altro che una pista di ghiaccio che ogni anno viene ricostruita (ovvero sia il ghiaccio che la neve vengono “ricompattati”), il grosso rischio qui è il carico dell’aereo, se è troppo pesante rischierà di rompere lo strato di ghiaccio e sprofondare nell’oceano.

Al 3° posto si trova l’aeroporto di Courchevel, nelle Alpi francesi.
La pista è lunga 535 metri ed è costruita tra le montagne, appunto, per la precisione proprio sopra un avvallamento, quindi circa a metà della pista troviamo una discesa molto ripida per cui il pilota dovrà far attenzione a non affrontarla più lentamente per evitare di schiantarsi, ma dovrà poi riprendere velocità per il decollo vero e proprio.
Fortunatamente questa pista è ad uso privato.

Di seguito la zona d’atterraggio di Saba, nelle Antille Olandesi. Misura solo 394 metri ed è estremamente pericolosa perché è stata costruita proprio tra i due estremi di uno scoglio alto circa 20 metri, un piccolo errore nell’atterraggio e l’aereo precipiterebbe sicuramente in mare.

Per concludere il più pericoloso in assoluto è certamente l’aeroporto di St. Maarten o anche detto “Aeroporto Internazionale Principessa Giuliana” dedicato alla attuale regina Giuliana dei Paesi Bassi.
Questa incredibile pista d’atterraggio è costruita a pochi passi da una spiaggia pubblica e ogni volta che un aereo deve atterrare, passa a pochi metri dai bagnanti e da una strada trafficata, rendendo ogni atterraggio una vera e propria sfida.

Lorenzo Toninelli

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*