Ultime

A un raduno di medici-scrittori in difesa e sostegno della cultura

Pin It

A Torino il 64° convegno nazionale dell’A.M.S.I. con il sostegno della Omceo e della Fimmg di Torino e Provincia, e del Centro Culturale Pannunzio

 

di Ernesto Bodini
(giornalista scientifico)

due uomini con al centro una donna seduti al tavolo dei relatori di un convegnoL’appuntamento di quest’anno (dal 29 al 31 maggio) ha visto riuniti i medici scrittori italiani nel capoluogo subalpino, ormai un “rituale” degno del più significativo impegno letterario all’insegna di una passione che va ben al di là del semplice scrivere, e della propria professione. Chi ancora in attività e chi in pensione, sono oltre una cinquantina i convenuti da tutta Italia e ciascuno con una o più pubblicazioni. L’incontro, che si è tenuto nella sala convegni dell’hotel Ambasciatori, organizzato e coordinato dai medici di base torinesi Patrizia Valpiani e Angelo Gino Torchio, poetessa lei e narratore-saggista lui, ha impegnato il primo pomeriggio nel corso del quale si sono susseguiti tutti gli autori che hanno illustrato la propria opera letteraria, un po’ emozionati ma sicuramente orgogliosi di aver alimentato il proprio bagaglio culturale, e magari con l’illusione di aver contribuito a “sollecitare” l’interesse per la lettura in tanti giovani (e non) che non ne sanno apprezzare il valore e l’importanza.

Dopo il saluto del dott. Sergio Marengo, in rappresentanza della Associazione Svizzera e del presidente dell’Union Mondial des Ecrivains Medicins (U.M.E.M.), l’inizio ha visto al podio il dott. Nicola Avellino, presidente dell’A.M.S.I., che ha ricordato i colleghi deceduti e, in particolare, il fondatore e realizzatore dell’Associazione (nel 1951) il prof. Achille Mario Dogliotti e lo stomatologo prof. Nello Falomo; e il dott. Carlo Tumiati fondatore (1952) della rivista periodica “La Serpe”, e vincitore nel 1936 del Premio Viareggio per la Letteratura. Ha poi preso la parola Mario Costa, medico di base e presidente della Fimmg Piemonte, che ha evidenziato l’importanza della collegialità tra colleghi: «Essere medico-scrittore – ha precisato – è motivo di orgoglio perché sostanzialmente si è narratori-umanisti di fatti e realtà quotidiane, tutti i giorni in trincea, più vicini al proprio paziente, all’uomo che soffre, traendo da esso insegnamento e umiltà». Il direttore del Centro Culturale Pannunzio, prof. Pier Franco Quaglieni, ha proposto una collaborazione tra il Centro e l’Associazione per dare ulteriore spazio ai medici-scrittori più “significativi”, affinché i valori classici (professionali, culturali e morali) non vengano meno ma sempre più in linea con la continuità del passato, abbinando la medicina scientifica alla disciplina letteraria ed umanistica.

Dopo il saluto della dott.ssa Ornella Bertoldini, presidente del “Premio Città di Arona”, è intervenuta Margherita Oggero, scrittrice torinese, già insegnante di Lettere, acclamata per il suo ultimo libro “La ragazza di fronte” (Ed. Mondadori); quindi la volta del dott. Gianfranco Brini con una serie di racconti brevi (“short story”) che ha precisato: “… scrivere un racconto breve in cui ci sono più protagonisti non è facile ma al tempo stesso dà emozione…”; Rina Mussa si è presentata con alcune considerazioni sulla poesia classica, non scevra di brividi e stupori; mentre Enrico Riggi (medico dentista torinese) ha attirato l’attenzione precisando che il racconto (in quanto arte) è un “richiamo”, e per questo ha scritto il romanzo “Voglio morire in un giorno di sole”, ambientato in posti lontani dove avviene il rapimento di una équipe medica per essere costretta a trapianti umani clandestini. Giuseppe Ruggeri è autore del giallo “L’ovale perfetto”, un noir di indagine che si ispira al delitto di Marta Russo avvenuto a Roma nel 1997; Carlo Capelli, autore di due libri sulla storica Ascoli Piceno, un vero e proprio studio della conoscenza dell’Italia antica; il ginecologo Romano Forleo ha presentato due opere, una di medicina divulgativa dal titolo “Il mio amore storico” (primo ginecologo della storia) e una dal taglio politico intitolata “Duemilatrentatre”, offrendo una visione ottimistica dell’umanità del prossimo ventennio.

pubblico che assiste a un convegnoIl torinese Marco Marchetto ha presentato due modeste ma simpatiche pubblicazioni di carattere storico e di utilità pratica; Alessandro Boidi Trotti, alla sua prima esperienza di narrativa dopo essere andato in pensione, ha fatto conoscere la storia di un medico oncologo; mentre l’ultra ottantenne Ezio Del Ponte ha illustrato “Emicrania e Biliardo. Viaggio tra neuroscienze, emicrania e sport (con un pizzico di filosofia”, una rassegna critico-divulgativa condotta in modo inusuale di un argomento che, secondo l’autore, per via della carenza di rimedi medici più efficaci, la pratica sportiva, adeguata all’età condotta anche molto avanti negli anni, rappresenta il miglior rimedio per la prevenzione dell’atrofia cerebrale senile. Ha poi concluso il dottor Nicola Avellino con l’opera “Padre Lodovico da Casoria e Bartolo Longo”, una raccolta di appunti storici e biografici, ma anche di personali considerazioni su due grandi pilastri della carità, gloriosi pionieri dell’800 napoletano. Sono poi proseguite le presentazioni delle opere di narrativa degli autori Dino La Selva, Elena Cerutti, Gennaro Pasquariello, Renato Cimino, Silvana Melas, Pasquale Russo, Cristina Negri, e Patrizia Valipiani (tesoriera dell’Associazione) con il libretto di poesie “Anima nuda”, una raccolta di liriche tra il 2013 e il 2014.

 

Intervista al dottor Nicola Avellino

Classe 1934, un attento osservatore della cultura partenopea, e da nove anni presidente dell’Associazione Medici Scrittori Italiani

un uomo parla stando in piedi mentre una donna gli siede accantoDottor Avellino, per quanti anni ha esercitato la professione?

“Per ben 55 anni. Mi sono specializzato in chirurgia e anestesiologia ed ho svolto il ruolo di ufficiale sanitario a Pompei per 13 anni, per 28 mesi sono stato medico per l’Unità Navale Missilistica Italiana “Giuseppe Garibaldi”, e in seguito medico della mutua. Ma al di là delle soddisfazioni professionali l’aspetto più “intimo e affettivo” del mio percorso esistenziale riguarda il fatto che, ancora giovane medico, ebbi l’opportunità di operare una giovane ragazza che non conoscevo, e che in seguito divenne mia moglie”

Quando e come è nata la sua passione per scrivere?

“Ricordo di essere stato orientato, già dai primi anni della scuola, da una insegnante di profonda cultura, il cui stimolo per la letteratura e la cultura in generale mi ha portato a frequentare il liceo classico. Nel tempo si è sempre informata del mio percorso scolastico ed accademico, ed è nel 1951 che ho acquistato il primo volumetto di Plauto che mi ha “ispirato” ulteriormente ad approfondire il mio interesse per la storia dell’antichità”

Ma quale, in particolare, la materia di suo maggior interesse?

“Il dialetto napoletano… Una lingua, a mio dire, ricca di belle parole, per certi versi intraducibili…, e proprio per questo particolarmente apprezzabile… Totò insegna”

Da quando è presidente dell’A.M.S.I.?

“Dal 2006. Fondata oltre sessant’anni fa, è una associazione che merita annoverare i suoi pionieri come il senatore Aldo Spallicci (1886-1973), Corrado Tumiati quale fondatore della nostra rivista periodica “La Serpe”, e vincitore (nel 1936) del Premio Viareggio per la Letteratura; Carlo Levi (1902-1975); Eleonora Rosanigo ed altri notevoli personaggi di profonda cultura umanistica”

Quali sono le finalità dell’A.M.S.I.?

“Noi siamo medici umanisti, e ogni volta che ci riuniamo è una “agape fraterna”, ci rivolgiamo l’un l’altro con il Tu confidenziale e un abbraccio e, se qualcuno di noi ha qualche “difetto” lo ignoriamo per carità cristiana e, tutto questo, all’insegna del nostro prosieguo professionale e dell’amore per la letteratura e la cultura in generale.

Cosa significa per un medico essere anche un “letterato”?

“È un vantaggio e motivo di orgoglio essere un medico-scrittore e non uno scrittore-medico, come affermava il senatore Spallicci, un cultore che possiede una umanità come riverbero ancestrale ereditato dai propri studi e dalla saggezza degli antichi che “restituiamo” (scrivendo) ai nostri fruitori con maggior gradevolezza…”

Secondo lei come è visto, oggi, dai pazienti un medico particolarmente colto?

“Credo che non ci sia bisogno di particolari spiegazioni perché sono certo sia facile dedurre che non di rado, oggi come ieri, i pazienti talvolta interpellano il medico non solo per motivi di salute, ma anche per questioni che vanno al di là delle sue specifiche competenze, e questo, fa riflettere…”

 

 

Foto di Ernesto Bodini. In alto, i dott. N. Avellino, P. Valpiani e G. Torchio; in basso, il dott. Avellino e la dott.ssa Valpiani

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*