Ultime

A Firenze torna il festival “Contemporary Visions”

Pin It

Contemporary Visions

Festival d‘arte contemporanea, secondo appuntamento

Artcloud#2 – Inaugurazione venerdì 7 marzo ore 19:00
presso Multiverso Via del Campo d’Arrigo 42r Firenze
Ingresso libero

Dopo il successo di Artcloud#1, appuntamento inaugurale del festival “Contemporary Visions”, è la volta di Artcloud#2, secondo appuntamento della rassegna dedicata all’arte e ai linguaggi contemporanei la cui inaugurazione è prevista per venerdì 7 marzo (Multiverso Coworking, h 19 – ingresso libero).

Contemporary Visions” è il festival di arti visive ideato e organizzato dall’associazione fiorentina DAY ONE (www.dayone-art.com), composto da cinque “ArtCloud” (sessioni espositive) che si svolge da gennaio a novembre. Senza ricevere finanziamenti pubblici o privati, si sviluppa  con l’intento di scoprire   nuove proposte nel panorama nazionale e internazionale per aumentare e migliorare l’offerta d’arte contemporanea a Firenze.

Artlcoud#2 sarà introdotto dalla performance del giovane russo di origini armeno-georgiane Mischa Badasyan che presenterà per la prima volta in Italia la sua ultima performance SUPERNOVA, realizzata e prodotta durante cinque mesi di residenza artistica in Armenia e già presentata tra gli altri al Queerriotclub di Berlino. Qui un estratto della performance http://vimeo.com/79563330

Mischa nato nel 1988 a Rostov sul Don (Russia) ha studiato Scienze Politiche alla Rostov South University e ha lavorato nel sociale, per i diritti umani, LGBT e ambientali; tutte tematiche fondamentali nella sua opera.

In Inghilterra assiste ad una performance di Marina Abramovic e ad un concerto di Björk. Le due esperienze saranno così importanti per lui da spingerlo ad intraprendere la strada delle performance. Considera il suo lavoro “arte viva” in quanto fermamente convinto che l’arte esista solo attraverso le nostre esperienze di vita. “Non vi è alcuna necessità di utilizzare oggetti fisici per creare, si diventa arte noi stessi. L’arte dovrebbe essere immateriale come ognuno di noi, sentimenti di profondo amore del mondo, della Terra e dell’Umanità… l‘arte, per me, è energia. Esiste solo come uno scambio di energia. Durante l’esecuzione dal vivo, sono in grado di sentire l’energia dal  pubblico. Attraverso l’interazione gli spettatori non solo entrano a far parte del mio lavoro, ma la loro energia influenza la mia esibizione.”

Numerosi anche questa volta gli artisti presenti in mostra: Ancora Teresa, Akiko Kotani, Francesco Mangiaracina, Marco Fabozzi, Habiba Zouabi, Marija Golinger, Nicolò Pertoldi e Marta Fiorentini. Le loro opere, tra pittura e fotografia, animeranno lo spazio espositivo del Multiverso fino al 30 marzo (orario dalle 10:00 alle 18:00 – dal lunedì al venerdì).

Come sempre anche questo ArtCloud sarà sviluppato in chiave 2.0, infatti gli allestimenti prodotti e curati dallo staff di DAY ONE sono creati secondo un approccio social utilizzando le nuove tecnologie dei QRCode e delle App.

La prima edizione di “Contemporary Visions”, svoltasi nel corso del 2013, ha coinvolto circa quaranta artisti di ben 25 nazionalità diverse (America, Francia, Spagna, Nuova Zelanda, Svizzera, Belgio, Svezia, Inghilterra, Nicaragua, Giappone, Russia, Messico, Australia, Filippine, Norvegia, Slovenia, Cina, Israele, Cile, Ucraina, Olanda, Grecia, Malesia, Repubblica di Macedonia, Germania) e attivi in molteplici discipline (pittura, scultura, fotografia, incisione, disegno, performance, video-arte, musica, teatro).

Numerose anche la partnership attivate, oltre a quella con Multiverso, meritano di essere menzionate le collaborazioni con la Onlus africana Solid Rock Association, la Fondazione Romualdo del Bianco, il portale Life Beyound Tourism, la Provincia di Firenze, il Comune di Firenze, la Croce Rossa Italiana e l’Auditorium al Duomo.

Info: www.dayone-art.com – info@dayone-art.com

 

Press office  Lorenzo Migno
lorenzomigno@gmail.com

 

Programma del festival:

Winter Session

1. ArtCloud#1: 10-31 Gennaio 2014 – MULTIVERSO, Firenze
2. ArtCloud#2: 7-30 Marzo 2014 – MULTIVERSO, Firenze
3. ArtCloud#3: 4-27 Aprile 2014 – MULTIVERSO, Firenze

 

Summer Session
4. ArtCloud#4: Giugno 2014 – Liguria, Portovenere / Le 5 Terre (luogo da confermare)

 

Autumn Session

5. ArtCloud#5:  8-30 Novembre 2014 – MULTIVERSO, Firenze

 

Biografia Day One

Un team giovane e tutto al femminile: la direzione artistica è affidata alla pittrice Ilaria Buselli attiva da anni nella curatela di mostre d’arte contemporanea tra Firenze e Berlino. Francesca Ferrari invece gestisce la social media communication e le relazioni con gli artisti, vive e lavora tra Firenze e Londra. Infine Sara Buselli, project manager del settore culturale, attiva sul fronte dell’organizzazione e delle relazioni esterne.

Ma cos’è in pratica DAY ONE?  Un progetto per l’arte contemporanea che mira ad aumentare gli scambi culturali attraverso l’uso delle nuove tecnologie, colmare l’attuale lacuna nell’organizzazione dei servizi culturali, aumentare la mobilità artistica internazionale e il turismo culturale in Italia. Attraverso la sua rete di rapporti internazionali DAY ONE permette a giovani di culture e paesi diversi di incontrarsi per favorire una reciproca conoscenza e amicizia, crea un dialogo costante tra le ricerche artistiche internazionali e un osservatorio sulle avanguardie esistenti.

Specializzata nell’ideazione e produzione di format culturali, DAY ONE ha all’attivo numerose mostre con artisti nazionali e internazionali e organizza annualmente il “Contemporary Visions”, festival internazionale di cultura e arte contemporanea, oltre alla rassegna d’arte contemporanea africana “Giugno d’Africa” (in collaborazione con la Onlus Solid Rock Association del Ghana) e alla rassegna d’arte contemporanea filippina “MODERN DIASPORA” (in collaborazione con il gruppo artistico filippino “Kulay”).  In Italia di DAY ONE hanno parlato anche la rivista Donna Moderna e il sito D di Repubblica, mentre Contemporary Visions” è stato recensito dalla stampa internazionale dai russi md-eksperiment.org, kayrosblog.ru oltre che dalla penna dell’artista e blogger americana Marie Kazalia.

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*