Si chiama Alma Deutscher, ha 11 anni e fa impazzire pubblico e critica con la sua musica

 

 

 

 

Ha solo 11 anni ed è stata già definita come “la nuova Mozart”, sto parlando di Alma Deutscher, la giovane musicista e già compositrice che negli ultimi giorni sta lasciando il pubblico a bocca aperta e sta sbalordendo la critica.
Nata a Dorking nel Surrey da una coppia anglo-israeliana è definita una bambina prodigio poiché ha iniziato a suonare il violino all’età di soli 3 anni ed a 2, come racconta il padre, conosceva già tutte le note del pianoforte a memoria. Oltre alla sua straordinaria capacità e competenza pratica della musica, dimostratasi anche nel riuscire ad eseguire tutte le sonate di Handel alla veneranda età di 4 anni, Alma è anche un’ottima compositrice , infatti, proprio due giorni fa (il 5 Gennaio) ha portato in scena la sua prima composizione a Vienna, riscuotendo un successo memorabile.
Lo spettacolo ha registrato il tutto esaurito e Alma ha partecipato, insieme all’orchestra, alla messa in scena della sua composizione intitolata “Cenerentola” suonando il violino come una professionista e, dopo due ore e mezza di esibizione, ottenendo una standing ovation da parte del pubblico che ha applaudito per 10 minuti consecutivi.
Come racconta la madre Janie, Alma ha iniziato a comporre quasi subito, a 5 anni infatti provò a scrivere la sua prima opera che narrava le avventure di un pirata chiamato Don Alonzo. Il suo brano “Cenerentola”, invece, lo ha cominciato a scrivere a 7 anni e racconta una storia ben diversa da quella tradizionale e da tutti conosciuta: la matrigna è la manager di un teatro dell’opera e le due sorellastre sono dive senza talento. Cenerentola è invece una giovane compositrice piena di melodie meravigliose nella testa. Un giorno, mentre lei canticchia, il principe si innamora di una canzone stupenda ma si scorda come finisce. Deve trovare Cenerentola per completare la melodia .
Un’opera di 237 pagine in totale, scritta e perfezionata solo e soltanto dalla giovanissima Alma Deutsher che è stata lodata da grandi direttori d’orchestra come Zubin Mehta e Daniel Barenboim .
La ragazza ha già attirato molte attenzioni nel mondo e per questo è stata già intervistata in svariati enti televisive e stazioni radiofoniche, alla BBC racconta: “Per me è una grandissima soddisfazione vedere la mia opera sul palcoscenico. Ci ho lavorato così tanto: prima l’ho composta e l’ho orchestrata, poi ho lavorato con i cantanti e poi con l’orchestra e il suo direttore. Se qualche anno fa qualcuno mi avesse detto che una mia opera sarebbe stata messa in scena a Vienna avrei pensato a uno scherzo”. Ma qual è il segreto di questo prodigio? Dove trova le idee?
Alma risponde che le viene ispirazione spesso mentre salta la corda, un suo grande passatempo, e immagina le melodie anche prima di andare a letto o durante la notte: “.Il difficile per me è metterle giù per iscritto, svilupparle in modo coerente e rifinirle” aggiunge. Dopo questo incredibile successo è stato chiesto alla musicista quali saranno i suoi programmi futuri: -Adesso sto scrivendo un libro – risponde Alma – che spero di pubblicare e poi di trasformare in un film. Se questo accadrà vorrei anche scrivere la musica per il film». Aiuta forse il fatto che la piccola non va a scuola, ma viene istruita a casa dai suoi genitori: «Così posso leggere tanti libri – spiega Alma –. Mi piacciono moltissimo le biografie di scienziati e compositori . Proprio a tal proposito essa risponde anche ai continui paragoni che i media fanno di lei con Mozart (tra l’altro uno dei suoi compositori preferiti): “È uno dei miei compositori preferiti – rivela – ma non mi piace essere chiamata ‘piccola Miss Mozart’. Non sono piccola e mi chiamo Alma”.

Lorenzo Toninelli

Il suo esordio a Vienna: https://www.youtube.com/watch?v=zad7fkhGzzs

Fonte: quotidiano.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *