6 ragioni per le quali il PHP resta un linguaggio così importante per il mondo della programmazione 

Il PHP è un linguaggio di programmazione lato server che è sulle scene da oltre 25 anni e in un modo o nell’altro continua a far parlare di sé. Ogniqualvolta un concorrente fa il suo esordio nel panorama tecnologico, ecco che si solleva immancabile il coro dei detrattori che ritengono il PHP uno strumento datato e poco adatto al lavoro dello sviluppatore moderno. Ora, può essere vero che questo strumento sia sceso un po’ nelle graduatorie dei linguaggi più popolari, ma resta il fatto che il PHP resta tra i più usati ed è per questo motivo che  intraprendere una carriera da programmatore PHP ha assolutamente senso, a patto di scegliere dei corsi di qualità come quelli proposto da Aulab, una PMI italiana che si occupa di formazione da anni e che con i suoi corsi Hackademy riesce a formare i futuri coder preparandoli per un ingresso veloce nel mercato del lavoro. 

A cosa serve il PHP

Il PHP (Hypertext Preprocessor) può essere usato per lo sviluppo di siti dinamici e siti interattivi ed è stato uno dei primi linguaggi di programmazione ad avere la capacità di essere incorporato nell’HTML, rendendo più facile l’aggiunta di nuove funzionalità alle pagine web senza il ricorso file esterni per reperimento dei dati. Negli anni ovviamente si è evoluto tramite aggiornamenti regolari che ne hanno aumentato le capacità, e per questo motivo è riuscito a rimanere un linguaggio versatile e affidabile. Vediamo nel dettaglio perché il PHP è così tanto diffuso tra i coder in qualsiasi parte del globo. 

Facile da imparare e da usare

La diffusione del PHP è rimasta costante negli anni soprattutto perché si tratta di un linguaggio semplice da studiare e che dà subito la possibilità di mettersi alla prova. Anche senza una conoscenza troppo approfondita sarà quindi possibile cimentarsi nella creazione di pagine web in tempi relativamente brevi. La sintassi è semplice, così come lo sono anche i comandi e le funzioni. Insomma, un linguaggio non inespugnabile al contrario di tanti altri rivali, e per questo decisamente più attraente per uno sviluppatore entry level

Gratis e open source

Ecco un altro aspetto che non può non attirare un programmatore alle prime armi. L’installazione richiede poco tempo ed è assolutamente gratuita. Esiste anche tutta una serie di framework dedicati, come Laravel, che facilitano ancora di più il compito degli operatori. 

Versatilità

Uno dei maggiori benefici del PHP è che la sua piattaforma può essere usata con tutti i maggiori sistemi operativi in circolazione, quindi con Mac OS, Windows e Linux, e supporta quasi tutti i browser.

Comunità di appassionati molto ampia e coesa

Per capire quanto un linguaggio di programmazione sia amato e diffuso basterà andare a guardare il numero delle community dedicate esistano online. Quelle sul PHP sono davvero tantissime e contengono un numero spropositato di tutoriali, consigli e forum, utili a qualsiasi programmatore che utilizzi questo linguaggio per lavoro o per pura passione. E questo non può fare altro che contribuire alla crescita concreta dello strumento attraverso i futuri aggiornamenti.

Facilità di connessione ai database

Il PHP è facilmente collegabile con qualsiasi tipo di database. Un aspetto che offre ai programmatori una maggiore libertà di scelta, dandogli la possibilità di concentrarsi maggiormente sugli strumenti ideali per l’applicazione su cui si sta lavorando. 

Stabile e testa

Il quarto di secolo alle sue spalle permette al PHP di avere quella solidità che gli permette di cavarsela in ogni contesto. I bug più importanti sono stati riparati da tempo e per questo i programmatori lo reputano assolutamente affidabile. Gli strumenti ideati a supporto nel corso degli anni lo hanno reso ancora più completo, utile ed efficiente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.