2° premio di poesia “Paola Albanese” – “Figlia” di Monia Minnucci

Cari amici, oggi conoscerete anche la seconda classificata della sessione affetti familiari” del   secondo premio di poesia “Paola Albanese”.

L’opera s’intitola Figlia e – come ha evidenziato la giuria del concorso – racconta il dolore per un figlio perduto attraverso versi ben costruiti in cui spiccano figure e analogie efficaci.

La sua autrice, Monia Minnucci, di sé ci dice solo che vive a Frosinone, ma sulla sua sensibilità questa poesia ha molto da raccontare:

 

Figlia

 

Lungamente attesi

nell’istantanea d’un particolare,

che pietra aspra

ha più brio del mio fare.

 

Memorie sfrattate,

soppresse dalla vanità d’esistere

ottundono il gusto,

inficiano il tatto.

 

Schegge di morto

dalla feritoia dello stacco.

 

Anima spezzata,

attesa senza ritorno.

 

Sono due in una.

 

Sono mille in una.

 

Sono i volti della luna,

ma non effondo amorevoli luci ispirate

né regno fiera del mio pallore.

 

Lei sorride eternamente,

io annichilisco!,

ardo nel tuono…  nel lampo,

sferzata dal grande urlo,

tormenta autunnale

dal giallo lamento.

 

Foglia strappata,

figlia mancata,

sangue stracciato.

 

La colpa dimora

nel voto reciso del ramo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

*