FacebookTwitter

Tag Archive | "sogni"

Gli arazzi medicei al Quirinale


Riceviamo e pubblichiamo:

un arazzo mediceo raffigurante GiuseppeIl Quirinale è stato aperto per le visite dei cittadini alla mostra di venti arazzi esposti nel Salone dei Corazzieri. Si tratta della famosa serie “Il Principe dei Sogni, Giuseppe negli arazzi medicei del Pontormo e di Bronzino”.

L’arte della manifattura degli arazzi fu introdotta in Italia da Cosimo I de’ Medici che importò dall’Olanda tecnici esperti e macchine tessili. Realizzarono capolavori come la famosa serie della Storia di Giuseppe, narrata nella Genesi (Firenze 1545-1553).

Cosimo de’ Medici commissionò gli arazzi con la Storia di Giuseppe per decorare la Sala dei Duecento a  Palazzo Vecchio in Firenze celebrando il raggiunto potere politico della famiglia.  I cartoni preparatori furono commissionati ai maggiori artisti del tempo, il Pontormo, il Bronzino e Francesco Salviati. Furono tessuti dai maestri fiamminghi Jan Rost e Nicolas Karcher. Si tratta di venti arazzi, detti all’epoca panni. Dieci di questi rimasero in Palazzo Vecchio a Firenze, altri dieci, invece, per volere dei Savoia dal 1886 furono trasferiti al Quirinale.

Cosimo de’ Medici prediligeva la figura di Giuseppe, figlio di Giacobbe, ed in lui in qualche modo si identificava. Come è noto dalla narrazione della Bibbia, Giuseppe, figlio prediletto ed amatissimo da Giacobbe, riuscì, nonostante le avversità ed il tradimento dei fratelli, a perseguire posizioni di prestigioso potere politico come consigliere ed interprete dei sogni del Faraone d’Egitto, grazie alle sue alte doti intellettuali ed all’abilità di parlatore. Mise in salvo la popolazione dalla carestia e diede intelligente e lungimirante prova di clemenza perdonando i fratelli che lo avevano tradito.

Questi arazzi sono una della più alte testimonianze dell’arte e dell’artigianato rinascimentale. Stupefacente l’intreccio e la complessità della illustrazione della storia narrata, che si può cogliere con una necessaria informazione preliminare, osservando attentamente la organizzazione del disegno, la rappresentazione dei personaggi e degli ambienti, i tanti particolari, anche piccolissimi, che li arricchiscono, ed il sapiente uso del colore. Es. Giuseppe è rappresentato con i capelli biondi, il viso ovale regolare ed espressivo e con una veste rossa, le cui tonalitàvariano a seconda delle luci. Ricchissima la gamma dei colori, tante sfumature di beige, celeste, azzurro e verde.

Straordinaria maestria di chi li ha pensati e realizzati allora, ed oggi restaurati. In una trasmissione in televisione ho sentito dire che ci vuole una giornata di lavoro per fare un centimetro quadrato di arazzo. Gli arazzi sono stati restaurati in tempi recenti, all’Opificio delle Pietre Dure in Firenze, ed al Centro Operativo per la Manutenzione ed il Restauro degli Arazzi fondato nel Quirinale nel 1995, che ha li ha recuperati in laboratori attrezzati e con personale specializzato. Per la prima volta sono stati esposti  tutti e venti insieme al Quirinale, poi saranno trasferiti all’EXPO di Milano.

Emanuela Medoro

L’Aquila 12 Aprile 2015

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Posted in Cultura e Spettacolo, Dico la miaComments (0)

Il primo permesso premio dopo 24 anni da uomo ombra


Riceviamo e pubblichiamo:

 

copertina del libro Undici Ore d'amore di Carmelo MusumeciLo scorso 14 marzo Carmelo Musumeci, finora ergastolano ostativo ai benefici penitenziari, è uscito per la prima volta, per nove ore, in permesso premio, dopo 24 anni di detenzione.

In carcere ininterrottamente dal 1991, non aveva mai usufruito di nessun beneficio e gli era stato concesso solamente un permesso di necessità di undici ore, nel maggio 2011, per laurearsi in Giurisprudenza a Perugia. Di questo giorno ne aveva descritto ogni fatto ed emozione in un libro: “Undici ore d’amore di un uomo ombra” , di Carmelo Musumeci, con la prefazione di Barbara Alberti- Gabrielli Editori.

Avendo di recente il Tribunale di Sorveglianza accertarto la sua impossibilità ad un’utile collaborazione con la giustizia, dopo decenni da “uomo ombra“, egli ha potuto per la prima volta usufruire invece di un permesso premio. Ne ha scritto un racconto, in sette parti, di cui oggi vi proponiamo la prima, l’introduzione.

 

Il primo permesso premio dopo 24 anni da uomo ombra

 

Oggi non avevo voglia di vedere e di parlare con nessuno, ma non sono riuscito a rimanere solo con la mia solitudine.  (Diario di un ergastolano www.carmelomusumeci.com)

 

Prima parte

Che fareste se dopo vent’anni di carcere aveste solo undici ore per rivedere quelli che amate? Di queste undici ore Carmelo ci racconta, con un ritmo che toglie il respiro, nel moto ondoso delle parole. Ma ci racconta anche della notte prima, lui che nella sua branda gioca di continuo con la morte, la invoca fulminea perché lo salvi dalla sua condanna a morte a rallentatore di Uomo Ombra. Stanotte no, stanotte ha paura di morire prima delle sue undici ore da uomo libero, morire come Mosè un istante prima di toccare la terra promessa, hai visto mai un dispetto di Dio. Ma vive. È mattina. I cancelli che dovrà passare sono undici, come le ore eterne e sfuggenti che ha davanti, un film serrato che concentra ogni passione, ma senza lieto fine. Alle 22.00 varcherà a ritroso l’undicesimo cancello, e sarà di nuovo solo. “Io e l’Assassino dei Sogni”.

(Prefazione di Barbara Alberti a “Undici ore d’amore di un uomo ombra” C. Musumeci, Gabrielli Editori)

 

Da fuori l’Assassino dei Sogni fa ancora più paura. Sembra ancora più brutto. Ad un tratto il suo cancello enorme si apre. Sembra la bocca di un mostro. Il suo rumore metallico rimbomba nelle mie orecchie. Quella è la sua voce. Ancora un passo e sarà tutto finito. Sarò di nuovo un uomo ombra. Un’ombra fra tante. Faccio quel passo. Provo la sensazione di non esistere più. E mi faccio divorare dall’Assassino dei Sogni, lasciando alle mie spalle la libertà, l’amore e la felicità.

(Carmelo Musumeci “Undici ore d’amore di un uomo ombra” Gabrielli Editori)

 

Quattro anni dopo “Undici ore d’amore di un uomo Ombra”

Sono passati quattro lunghi anni dalle uniche undici ore che ho trascorso, in ventiquattro anni di carcere, nel mondo dei vivi.

E ricordo che mi erano stati concessi con un permesso di necessità per andarmi a laureare da uomo libero.

Dopo non sono più riuscito ad uscire perché con l’ergastolo ostativo non puoi usufruire di nessun permesso premio e di nessun beneficio penitenziario se non collabori con la giustizia.

E allora non ho potuto fare altro che darmi da fare per fare conoscere che in Italia, Patria del Diritto Romano e della Cristianità, esiste la “Pena di Morte Viva” (così chiamiamo l’ergastolo ostativo, che ti mura vivo senza la compassione di ucciderti).

Nonostante non sia più riuscito ad uscire, non mi sono mai pentito di essermi ripresentato quattro anni fa con le mie gambe davanti all’Assassino dei Sogni (il carcere come lo chiamo io) perché per una volta, una volta sola, ho potuto dimostrare di essere migliore di uno Stato che condanna una persona a essere cattiva e colpevole per sempre.

Adesso, dopo quattro lunghi anni, i ricordi di quelle “Undici ore d’amore” sono diventati sempre più piccoli, perché nella mia mente ho rivissuto quei ricordi tante di quelle volte che li ho consumati.

E purtroppo per un uomo ombra vivere è come bruciarsi senza calore.

(Continua)

Carmelo Musumeci

www.carmelomusumeci.com

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Posted in Dico la miaComments (1)

“I sogni nel vagone – sui binari di Rodari”: lo spettacolo a Roma


Le Mille e un Granello

presenta

 

“I sogni nel vagone – sui binari di Rodari”

Spettacolo di Sand Art e Burattini

 

Con Irene Tarzia, Valerio Mammolotti e Simona Gandòla

 

29 novembre 2014
Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca, 6 – Roma

 
locandina dello spettacolo I sogni nel vagone-sui binari di RodariIn scena al Teatro Studio Uno sabato 29 novembre 2014I sogni nel vagone – Sui binari di Rodari“, uno spettacolo dedicato a bambini e alle loro famiglie proposto dalla compagnia “Le Mille e un granello”, con la sand artist di Raiyoyo.
Due attori – Irene Tarzia e Valerio Mammolotti - e due simpatici burattini accompagneranno i piccoli spettatori in un viaggio su di un treno magico: alla ricerca di una spensieratezza ormai persa nel caotico mondo degli adulti, due “folletti” insegneranno a piccoli e grandi spettatori che il tempo non si perde, siamo noi che ci perdiamo per star dietro al tempo e a tutti gli impegni con cui lo riempiamo.

A questo scopo il viaggio sarà accompagnato dalla suggestiva performance di Simona Gandòla, sand artist di Raiyoyo, che realizzerà disegni in continua evoluzione per accompagnare i racconti di G. Rodari quali “Il pozzo di Cascina Piana” e “La strada che non andava in nessun posto”: le storie verranno illustrate sulla sabbia e proiettate in tempo reale su di uno schermo.

 

“Proponendo questo spettacolo ai bambini desideriamo opporci a quella cultura televisiva e a quel format di giocattolo odierno che li invita ad assumere un ruolo passivo nei confronti della realtà, perché ci sembra che la strada verso un pericoloso isolamento e un’estrema incapacità di comunicare sia stata ormai intrapresa. Il teatro è uno strumento privilegiato per riportare gli individui su un piano di relazione con gli altri e col mondo che li circonda: lo fa ponendosi come interlocutore vivo e presente, lo fa in quanto stimola l’interesse verso tutto ciò che esiste, dialoga con le altre arti, invita a riflettere, a sentire, ad osare e confrontarsi. Per dirla con Juan Mayorga:
“Il teatro è l’arte dell’immaginazione dello spettatore”. Se questa magia è già propria del teatro con attori in carne e ossa, pensiamo che la sua collaborazione con il teatro di figura (i burattini) e la sand art (disegno su sabbia) non possa che amplificare la ricettività dei bambini ed il loro coinvolgimento e divertimento”
.

 

 “I sogni nel vagone – sui binari di Rodari” 29 novembre 2014

al Teatro Studio Uno, Via Carlo della Rocca,(Torpignattara)

Ingr. 5 euro. Sabato ore 17.00

info e prenotazioni: 3494356219- 3283546847

 

www.teatrostudiouno.cominfo.teatrostudiouno@gmail.com

Ufficio Stampa: Eleonora Turco

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Posted in ... Comunicati Stampa, Bambini, Cultura e SpettacoloComments (0)

“L’Assassino dei sogni”: la presentazione del libro a Roma


Roma, Venerdì 28 novembre 2014

presso la sede del Municipio XV
Via Flaminia 872
ore 16, Sala Consiglio

copertina del libro L'assassino dei sognipresentazione del libro

L’Assassino dei sogni - Lettere fra un filosofo e un ergastolano

di Giuseppe Ferraro e Carmelo Musumeci

a cura di Francesca de Carolis

Collana Millelire (costo 1,00 euro)
Ed. Stampa Alternativa

 

Un filosofo e un ergastolano si scrivono. Ne nasce un racconto di vite: di quella prigioniera dell’Assassino dei Sogni che non dà scampo e di quella che pensiamo libera ma che pure può diventare prigione, anche se fuori dalle mura del carcere.
Una riflessione sulla carcerazione ma anche sui temi fondamentali della vita, pubblici e privati: il dolore, l’amicizia, la famiglia, la legge, la giustizia, la democrazia…

Pagine che, quando tutto sembra perso e il buio sta per avere il sopravvento, diventano invece lezioni e iniezioni di vita.

Giuseppe Ferraro insegna Filosofia della Morale all’Università Federico II di Napoli e anche in carcere tiene corsi di filosofia; Carmelo Musumeci, condannato all’ergastolo,  ostativo, in carcere si è laureato, scrive libri e da anni conduce con grande ostinazione una battaglia contro l’ergastolo. Alla sua iniziativa hanno aderito personaggi come Veronesi, Margherita Hack, Rodotà…

Sarà lo spunto per discutere di ergastolo e di carcerazioni con Francesca de Carolis, giornalista e scrittrice, Simona Filippi, avvocato, difensore civico Associazione Antigone.

Interviene Michela Ottavi, Assessore alle Politiche Sociali Municipio Roma XV.

Modera Sara Poletto, Consigliere Municipio Roma XV

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Posted in Dico la miaComments (0)

L’angolo di Full: “L’attracco”


Saper mutare senza rinnegar se stessi: è questo uno dei tratti distintivi dello Scrittore (la maiuscola non è un refuso). Fulvio Musso è profondamente se stesso quando punge e diverte con ironia e “sboccatezza” esattamente come lo è quando accarezza e ammalia con delicatezza e sobrietà.

Prima di lasciarvi alla lettura del suo bellissimo brano, vi ricordiamo che anche voi potete popolare questa rubrica dedicata ai racconti brevi: vi basta seguire le poche indicazioni del regolamento di Raccontonweb.

 

dipinto raffigurante un porticcioloL’attracco

La grossa barca scivolò silenziosa nel porticciolo; i potenti motori quasi muti. In plancia, un uomo solo, di mezza età. Lo scafo procedeva lento, alla ricerca di un improbabile spazio per l’ormeggio.
Subito qualcuno assunse a spettacolo la manovra come solitamente accade nei bacini piccoli e poco trafficati. L’uomo si adattò in uno spazio angusto presso l’imboccatura del porto e manovrò lentamente per volgere la poppa alla banchina. Poi il verricello gracchiò e l’ancora si infilò in acqua con un tonfo secco.

Allora, anche la donna notò la barca. Le apparve troppo ingombrante in un porticciolo così piccolo, ma ne apprezzò la linea filante e il candore delle vernici in sintonia con il nome, “Biancaluna”. Poi guardò l’uomo che aveva capelli folti, i tratti decisi, l’abbronzatura esaltata dal bianco della felpa.
«Altezza, mezza bellezza» recitò piano la donna. Non si riferiva alla statura, appena regolare, del nuovo arrivato, ma constatava come un uomo, ritto sulla plancia della propria barca, appaia anche un po’ più alto: è il padrone dei grandi spazi, il cavaliere che cavalca solitario il proprio sogno. Fa pensare a un essere libero, temprato.
L’uomo azionava i pulsanti del verricello filando lentamente la catena dell’ancora e lasciando che l’abbrivio avvicinasse docilmente la poppa alla banchina. Saltò poi dalla passerella con le cime di ormeggio sotto l’occhio più o meno attento dei presenti.
La donna richiuse un libro dalla rilegatura turchina. La sua attenzione era assorbita ormai da questo solitario approdato nell’ora un po’ misteriosa del crepuscolo. L’ora in cui le ombre allungano le loro braccia e i colori, e certe anime, si incupiscono.
Per fissare gli ormeggi, l’uomo dovette passare accanto alla donna che traversò con un’occhiata breve e intensa come sono spesso gli sguardi fra sconosciuti di sesso opposto; uno sguardo che si distese subito in un sorriso cui lei rispose. Non v’è miglior saluto: a differenza delle solite parole o cenni, il sorriso è un attestato di simpatia, è una piccola luce accesa per festeggiarti. Ē anche la posa migliore per il clic della foto immaginaria che resterà in te.

Mentre rassettava sottocoperta, l’uomo sbirciò dall’oblò nella direzione della donna che sedeva a pochi metri. Poteva avere dieci anni meno di lui, i capelli bruni e sciolti, gli occhi mansueti e assorti avevano uno strano colore grigio di alba marina. Una figura bella, serena, e insieme sensuale. Un buon approdo per un navigatore solitario.

Fedeli ai rigorosi orari dei riti domestici, gli uomini del porto si allontanavano frettolosi e in breve rimasero soltanto loro due, avvolti dallo sciabordio del mare. Di lì a poco, lui sarebbe sceso a terra e già immaginava l’incontro.
Ad un tratto non la rivide. La cercò inutilmente con lo sguardo oltre lo spiazzo del porto, stringendo gli occhi per penetrare l’oscurità incombente. Sembrava scomparsa; soffiata via da una folata o risucchiata nei vortici lievi che vedeva serpeggiare in banchina. Forse l’aveva allontanata il timore di un luogo ormai buio e deserto o il vento sempre più pungente.
L’uomo scese in paese e, un po’ inconsciamente, la cercò ancora. Nel fugace sguardo di lei, gli era sembrato di cogliere qualcosa: un sogno, forse. O un’attesa. Un segreto che avrebbe voluto scoprire.

Il vento, ormai molesto, penetrava la felpa dell’uomo spingendolo al rientro e nel confortevole tepore della cabina si ravvide: la bella sconosciuta si trovava chissà dove, immersa nei propri affetti, nella propria vita: una donna così non è mai sola. L’immagine di lei, tradotta in dolce malinconia, si sarebbe assopita col dondolio della barca.

     Si vive anche, o soprattutto, delle cose che non accadono. E i solitari, a volte, coltivano sogni tanto dolci ch’è quasi un peccato ucciderli realizzandoli.

primo piano di Fulvio Musso     La mattina dopo, di buon’ora, la “Biancaluna” lasciò l’ormeggio.
In paese le prime finestre si schiudevano sonnacchiose o si spalancavano con vigore al nuovo giorno svelando la diversa indole dei loro abitanti.
Su di un vetro s’era condensato l’alito di qualcuno che assisteva alla manovra. Forse le labbra trattennero il respiro, perché l’alone pian piano evaporò rivelando una chioma bruna e due occhi di alba marina fissi sull’uomo ritto in plancia, il padrone dei grandi spazi, il cavaliere che cavalcava libero il suo sogno. Spiavano i suoi capelli agitati dal vento, l’espressione decisa che lei aveva sperato di ritrovare al porto, l’abbronzatura esaltata dal candore degli indumenti, ormai confuso col candore della scia che man mano s’allontanava diventando sempre più piccola. Sempre più piccola nei pensieri.
E nei pensieri, sorridevano due piccoli sogni che s’erano appena salvata la vita.

Fulvio Musso

 

Fonte: Nautica n.396 (Nautica Editrice)

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Posted in RaccontonwebComments (2)

“L’Assassino dei Sogni” appena uscito già esaurito


Riceviamo e pubblichiamo:

 

Io scrivo perché scrivendo il duol si disacerba, perché ho bisogno di scrivere, e s’io non scrivo non vivo. (Luigi Settembrini)

 

copertina del libro L'assassino dei sogniIl libretto “L’Assassino dei Sogni” sottotitolo “Lettere fra un filosofo e un ergastolano” di Carmelo Musumeci e Giuseppe Ferraro, a cura della giornalista Francesca De Carolis, ED. Stampa Alternativa-Nuovi Equilibri pag. 64-anno 2014, prezzo: 1,00, ISBN: 978-88-6222-417-8 appena uscito è già esaurito (È già in stampa una seconda edizione). E mi venuto il dubbio se lo stanno comprando perché è interessante o perché costa solo un euro sic!

Una cosa è certa, sta andando a ruba fra gli uomini e donne di fede. Le suore di clausura di Lagrimone mi hanno scritto:

Suor Daniela (…)Il libretto con il carteggio fra te e il filosofo Giuseppe Ferraro è molto bello ed è ricco di spunti e provocazioni. Il tuo nipotino aveva 3 anni quando ti ha portato la foglia? Stupendo quell’episodio.

Ne abbiamo presi 55 e li abbiamo già distribuiti in giro di pochi giorni. Ottima l’idea di venderlo ad un euro (…)

Suor Marta (…) Appena abbiamo ricevuto il libretto “L’Assassino dei Sogni” (Lettere fra un filosofo ed un ergastolano) l’ho letto in giornata. Sono già capitate alcune persone a cui abbiamo dato il libretto e abbiamo in mente di darlo ad altre e ad alcuni preti che lavorano con adolescenti e giovani. Io l’ho trovato uno strumento didattico eccellente con motivi di riflessioni e confronti interessanti.

Suor Lilia (non è una suora di clausura come le altre due):

“Che dire del filosofo Giuseppe Ferraro? Sei davvero fortunato d’averlo conosciuto: ora, con gioia, posso affermare che anch’io, grazie a te, ho conosciuto un uomo saggio, che va per la sua strada e non teme di rivelare il suo pensiero senza modificarlo minimamente. Per me questo professore è un uomo che ama la vita; l’ho capito, soprattutto nella lettera in cui spiega il delicato argomento del suicidio”.

 

In questi giorni ho scritto all’editore che ha avuto il coraggio di pubblicare “L’Assassino dei Sogni”:

Marcello, continua a pubblicare i nostri pensieri, solo così puoi continuare a farci esistere. E a farci sentire ancora umani. Lo sappiamo, sono pochi gli editori che si sporcano le mani pubblicando i pensieri degli avanzi di galera come noi. E ti confido che a volte penso che molti ci vedono cattivi perché loro lo sono più di noi, perché come si fa a murare vivo una persona per tutta l’esistenza, senza l’umanità di ammazzarla prima? Marcello, credo che a volte i cattivi provino rimorsi o compassione molto più dei buoni. Aiutami a farlo sapere alle persone perbene con la fedina penale pulita, ma con forse la coscienza più sporca dei galeotti. E dammi una mano anche a fare sapere che il carcere non cambia le persone in meglio. Piuttosto le distrugge. Marcello, scrivere di e in carcere è pericoloso. Non ti puoi immaginare quanto. So però che anche fuori ci  vuole tanto coraggio a dare voce ai prigionieri. Grazie di avere questo coraggio che non hanno la  stragrande maggioranza delle case editrici, che preferiscono pubblicare le ricette di cucina per guadagnare tanti soldi ed evitare critiche e guai. Marcello continua a pubblicare le nostre parole per fare sapere che molti di noi sono nati già colpevoli, anche se poi hanno fatto di tutto per diventarlo.

Carmelo Musumeci
Carcere di Padova

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Posted in Dico la mia, LibriComments (0)

Goffredo Palmerini in missione a New York


In agenda il Columbus Day, “L’Italia dei sogni” all’Italian American Museum, visite ed altri eventi

 

Goffredo Palmerini mentre parla a un microfonoL’AQUILA – Sempre pronta la valigia di Goffredo Palmerini. Questa volta la partenza è per New York, il 5 ottobre, dove resterà dieci giorni. Nella sua agenda molti impegni nella Grande Mela, dove si celebra il più famoso ed imponente Columbus Day degli Stati Uniti, nel lunedì più vicino al 12 ottobre, giorno della scoperta dell’America. E dove da 38 anni la città dedica l’intero mese di ottobre alla cultura italiana (Italian Heritage and Culture Month), in segno d’affetto verso l’Italia e i suoi tesori, con una straordinaria fioritura di eventi che abbraccia tutti i campi della creatività artistica e letteraria.

Palmerini, come già l’anno scorso, sarà il rappresentante ufficiale dell’Associazione Nazionale Famiglie Emigrati (ANFE) alle manifestazioni del Columbus Day e parteciperà alla grande Parata che si svolgerà il 13 ottobre sulla Quinta Avenue. Molti altri gli appuntamenti a New York del più assiduo “ambasciatore” dell’Abruzzo nel mondo. In primis la presentazione del suo ultimo libro “L’Italia dei sogni” (One Group Edizioni) in uno dei templi della memoria dell’emigrazione italiana negli Stati Uniti, l’ Italian American Museum (IAM), in Mulberry Street nel cuore di Little Italy.

L’evento si terrà il 9 ottobre alle ore 18, con gli interventi del drammaturgo Mario Fratti, dello stesso Palmerini e del prof. Joseph Scelsa, fondatore e presidente del prestigioso Museo italo-americano. E ancora, in agenda, una conversazione con la comunità abruzzese, coordinata dalla prof. Maria Fosco, originaria di Orsogna, la visita ad alcune università – New York University, Queens College, Columbia University – dove Palmerini ha stabilito significative relazioni, un’intervista con Daniela Celella per Radio ICN, nel programma condotto dalla brillante giornalista e molto seguito in tutta l’East Coast, la visita alla redazione di i-Italy, prestigioso network giornalistico e Tv diretto da Letizia Airos, con il quale da anni collabora, e diversi altri incontri con esponenti di rilievo della comunità italiana. Palmerini rientrerà all’Aquila nel pomeriggio del 16 ottobre.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Posted in ... Comunicati Stampa, Associazionismo, Cultura e SpettacoloComments (0)

Rimpatriata della Famiglia Abruzzese e Molisana in Piemonte e Valle d’Aosta


Il 13 agosto a L’Aquila la Rimpatriata 2014 della Famiglia Abruzzese e Molisana in Piemonte e Valle d’Aosta

veduta di NavelliSi terrà il 13 agosto a L’Aquila la Rimpatriata 2014 che la Famiglia Abruzzese e Molisana in Piemonte e Valle d’Aosta annualmente tiene nel canonico mese feriale in una località dell’Abruzzo o del Molise. Un’occasione per stare insieme tra corregionali già in vacanza nelle regioni d’origine e per chi scende appositamente per vivere una giornata particolare. Quest’anno il presidente del sodalizio, Carlo Di Giambattista, ha pensato di tornare nel capoluogo abruzzese, a cinque anni dal terremoto, per confermare la vicinanza alla città e ai centri del cratere, cui mai l’associazione ha fatto mancare segni di attenzione e solidarietà. E infatti saranno Navelli, Barisciano e Poggio Picenze, oltre la città capoluogo d’Abruzzo, le altre mete dove la solidarietà degli Abruzzesi e Molisani del Piemonte e Valle d’Aosta ha dato testimonianze.

La giornata si aprirà con la visita di una delegazione del Consiglio direttivo del sodalizio ai Sindaci di Navelli e Barisciano, ai quali nel 2010 furono consegnate due autovetture 4×4 acquistate con i fondi raccolti dalla Famiglia Abruzzese e Molisana. Alle ore 11 l’appuntamento generale è a L’Aquila, per una visita al Monastero di San Basilio, la casa di clausura delle suore celestine dove si respira la spiritualità e il magistero di papa Celestino V. In una delle sale del monastero Angelo De Nicola, giornalista e scrittore, e Francesca Pompa, presidente One Group Edizioni, presenteranno il volume “L’Italia dei sogni” di Goffredo Palmerini, presente l’autore. Seguirà la conversazione di Manlio Madrigale sul tema “La sussidiarietà orizzontale: …aiutami che io ti aiuto”.

L’Assessore regionale e Presidente del CRAM, Donato Di Matteo, e un rappresentante della Municipalità aquilana porteranno il loro saluto ai convenuti della Rimpatriata, che inoltre riceveranno la visita di Padre Quirino Salomone, del Centro Celestiniano, verso le cui opere di solidarietà la Famiglia ha mostrato attenzione e alle quali ha devoluto parte delle cifre raccolte, in particolare per la Mensa dei poveri.

La conviviale si terrà in un noto ristorante di Poggio Picenze. In quel paese la solidarietà piemontese ha lasciato segni tangibili, con le donazioni promosse dal quotidiano La Stampa, raccolte dalla Fondazione omonima ed impiegate solertemente a beneficio di alcuni comuni colpiti dal sisma, tra i quali appunto Poggio Picenze. Non mancherà il saluto del Sindaco alla Famiglia Abruzzese e Molisana. Nel pomeriggio i convenuti potranno visitare le splendide Grotte di Stiffe e fare un supplemento di visita ai monumenti più significativi dell’Aquila.

 

Nella foto, una veduta di Navelli

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Posted in ... Comunicati Stampa, Cultura e SpettacoloComments (0)