Ultime

La saga degli “onorevoli” italiani

Un Paese dal continuo “regresso” culturale a discapito dell’umiltà con l’eterna ambizione del voler apparire anziché dei più “intelligenti” essere e saper fare.

Pin It

di Ernesto Bodini
(giornalista e opinionista)

cavourIl nostro è certamente un Paese straricco di vezzi e consuetudini dure a morire come gli abusi di potere e le megalomanie. Fra queste, si lamenta tuttora e da più parti, il vezzo di deputati e senatori di titolarsi “Onorevole”. Una forma di autoincensamento che, a ben riflettere, ha poco di signorile e che fa per nulla “onore” ai rappresentanti di un Paese sempre più alla deriva, sia dal punto di vista della gestione politica che da quello dell’etica e della moralità, soprattutto in fatto di “non trasparenza”… E questo, in molteplici circostanze. Quella di farsi chiamare onorevole, tra l’altro, va di pari passo con gli italiani in possesso di un titolo di Laurea accademica (anche se solo triennale che ha prodotto e produce una miriade di dottori… disoccupati) con l’abitudine di farsi chiamare con l’appellativo di Dottore, Ingegnere, Avvocato, ed ancor peggio di Ragioniere, Geometra, Maestro, per non parlare poi dell’eccessivo malvezzo titolo di Perito Industriale (P.I.), le cui iniziali comparivano anni fa persino negli elenchi telefonici, etc. Titoli pretesi anche al di fuori del proprio ambito professionale, ed ancora più incisivamente riportati sulla propria carta da lettera e biglietti di visita, mentre appare più semplice e razionale farsi appellare Signor, Signora, Signorina. Ma tornando al termine “Onorevole”, quali sono le sue origini? Secondo fonti comuni pare che bisogna risalire all’epoca dell’Unità d’Italia (con inizio dal 1848), in quanto Camillo Benso conte di Cavour (nella foto) ritenne di riconoscere a tutti i deputati il titolo di “onorevole”, non potendo estendere ai borghesi i titoli nobiliari, e ciò, nonostante tale titolo non esistesse in nessun altro Parlamento del mondo. E fu così che da allora di tale appellativo si fregiarono i nostri parlamentari per quasi ottant’anni, ossia fino al 1939. Da qui in poi (siamo in piena era fascista) Achille Starace (1889-1945), segretario del Partito Nazionale Fascista, decise di abolirlo con quello che veniva definito Foglio d’Ordini n. 1277 del 4 marzo 1939, e di sostituirlo con il titolo di “Consigliere nazionale”. Dopo la caduta del Fascismo, e la nascita della Repubblica, i deputati “democratici” hanno ripreso a fregiarsi di questo “inappropriato” titolo.

parlamentoOra, se si vuole far fede alla semantica, onorevole induce all’interpretazione di persona degna di rispetto, di stima, che fa onore, che non lede, che non pregiudica l’onore, etc.; ma un conto è l’attribuzione di un titolo sulla parola e sulla carta, ben altro invece, il valore e l’onestà intellettuale di meritarlo. A giudicare dagli eventi di cronaca continuano ad aumentare i politici (senatori e deputati) indagati, inquisiti e condannati e, ciò nonostante, il titolo di onorevole non riescono (o non vogliono) scrollarselo di dosso…! Da qui s’impone, per così dire, l’arroganza di molti personaggi pubblici, gran parte dei quali si risente se non citata con “l’amato” titolo, snobbando con tracotanza i colleghi di altri Paesi che si fanno appellare più semplicemente Mister, Monsieur, Herr, Dame, Milady, Miss, Madame, etc. Anche in una delle tante Sedute al Parlamento Europeo i politici italiani non hanno perso l’abitudine di usare l’appellativo di Onorevole. Ma ciò non basta perché anche i mass media, in gran parte, non mancano di riportare tale titolo di questo o quel parlamentare e, di conseguenza, va da sé che il vezzo politico-italiano sarà duro a morire… E se non fosse troppo temerario, oserei rammentare quanto sosteneva G.B. Shaw (1856-1950), ossia: «Non c’è alcun membro del nostro Parlamento che non sia idiota almeno per un’ora al giorno. La saggezza consiste nel non superare l’ora». Una forma di “idiozia”, a mio avviso, che comincia proprio con il volersi distinguere (peraltro senza alcun merito) dagli altri comuni mortali.

Pin It

Scrivi un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*



*